Via la tassa sul visto per il Senegal

122

SENEGAL – Dakar. 09/04/15. Il presidente senegalese Macky Sall, ha annunciato l’eliminazione di visto per Senegal dal 1 ° maggio.

Questa è una delle misure volte a promuovere il turismo nel paese. Una decisione accolta bene da tutti i player in un settore in crisi. Fondata nel luglio 2013 la gabella sul visto sparisce. «La tassa per il visto d’ingresso in Senegal sarà abolita a partire dal 1 maggio 2015» ha annunciato Macky Sall, il 3 aprile, nel suo discorso alla nazione. Mentre alcuni osservatori hanno ironizzato su questa rinuncia annunciata alla vigilia della Giornata Nazionale, che celebra la sovranità del Senegal, il settore del turismo, invece, ha accolto bene la scelta del presidente. «Questa è una decisioni coraggiose, attesa da molti attori nazionali ed internazionali del settore», ha detto Kane Moustapha, segretario permanente del settore dell’ospitalità dell’Unione dei datori di lavoro (Spih). «Questa è una misura di benvenuto per il settore, che dimostra l’interesse dimostrato dal presidente Macky Sall al turismo», afferma Jean-Jacques Bancal, tour operator in Senegal per 25 anni, che gestisce due alberghi a St. Louis ( nord) e il Bou El Mogdad, una nave da crociera che naviga sul fiume Senegal. «Meglio tardi che mai» ha commentato il console Jean-Paul Fontaine, responsabile di un 5 stelle Cap Skirring, Casamance (sud), una zona turistica disastro in cui è stato aggiunto l’effetto psicologico di Ebola al costo tasse aeroportuali – il più alto del continente – e visti biometrici (52 € a persona), che andranno a pesare sulla stagione 2015.