Qatar: le rotte aere favoriscono il turismo

38

QATAR – Doha. 21/12/14. La Qatar Tourism Authority (QTA) ha annunciato l’apertura del suo quinto ufficio all’estero per promuovere il turismo qatarinio nel mercato del Sud Est asiatico, con particolare attenzione per Singapore, Malesia e Hong Kong.

Questo segue la recente apertura di un ufficio in Arabia Saudita per coprire il mercato GCC prime, così come rete internazionale esistente del QTA nei principali mercati europei del Regno Unito, Francia e Germania.
Rashed Al Qurese, chief marketing e promozioni officer di QTA, ha dichiarato: «Siamo lieti di rafforzare ulteriormente la nostra crescente capacità di marketing all’estero attraverso questo nuovo ufficio, l’esperienza dimostra che avere una presenza on-the-ground rende un contributo fondamentale per massimizzare il potenziale turistico dei mercati di origine».
Al Qurese ha detto che il nuovo ufficio è venuto sul retro del successo Qatar Airways nella promozione di Doha come un hub di aviazione tra l’Europa e l’Estremo Oriente, un numero crescente di viaggiatori del Sud-Est asiatico sono già in transito Qatar. «Il nostro obiettivo sarà trasmettere un messaggio forte che il Qatar offre il mix ideale di alloggi di alta qualità e di ottime strutture ricreative, tra cui importanti attrazioni culturali e un ambiente pulito e sicuro il ‘primo mondo’ infrastrutture e servizi. Puntiamo sul potenziale che c’è per l’intrattenimento familiare, negozi, ristoranti e altre attività ricreative studiate per questo mercato». Il numero di visitatori è cresciuto dal Qatar dell’otto per cento a più di 1,4 milioni nel primo semestre del 2014, secondo i dati diffusi dal Qatar Tourism Authority. Più di mezzo milione di quelli erano cittadini del GCC (536.264), che rappresentano il 38 per cento dei turisti totali, l’autorità ha detto in un comunicato. Essa ha aggiunto che nella prima metà del 2014, il tasso medio di occupazione hotel è salita al 74 per cento dal 67 per cento per lo stesso periodo dello scorso anno, assistito da una diminuzione del 1,9 per cento in camere disponibili a causa di chiusure di ristrutturazione legati.