Hun Sen: il turismo come leva per uscire dalla povertà

38

CAMBOGIA – Siem Raep. 05/02/15. Il turismo settore trainante dell’economia cambogiana. A dirlo in apertura della Conferenza mondiale sul turismo e cultura a Siem Reap ieri, il primo ministro Hun Sen.

Il turismo, per il numero uno della Cambogia, potrebbe aiutare il Paese a ridurre la povertà. Il settore turistico ha infatti iniettato 3 miliardi dollari nell’economia della Cambogia lo scorso anno. Cifra che potrebbe raggiungere nel 2020, secondo Hun Sen i 5 miliardi di dollari. Circa 600.000 cambogiani oggi lavorano grazie al turismo e entro il 2020 si prevede di impiegare fino a 800.000 persone. La «Cambogia affronta questioni come la mancanza di cooperazione tra le autorità e il popolo, la mancanza di esperienza per preparare progetti legati al turismo e alla cultura, la mancanza di conoscenza generale del settore del turismo, e la mancanza di risorse umane». Queste le grandi sfide che la Cambogia si trova d affrontare. Lo scorso anno in Cambogia sono arrivati 4,5 milioni di turisti internazionali, un numero destinato a salire a 5 milioni nel 2015 e 7,5 milioni entro il 2020. Nonostante il crescente numero, Hun Sen ha spiegato che la Cambogia ha bisogno di programmare più eventi culturali come il Angkor Sangkran festival, che si celebra come parte del Capodanno Khmer a Siem Reap che è al suo terzo anno consecutivo. «Abbiamo bisogno di più eventi del genere, al fine di attirare più turisti e allo stesso tempo, diffondere la nostra cultura». La Conferenza Mondiale sul Turismo e cultura è ospitato in collaborazione con l’UNESCO e l’Organizzazione delle Nazioni Unite World Trade (UNWTO) e terminerà domani. Il suo scopo è quello di promuovere il turismo culturale in modo da ridurre i rischi associati e benefici delle comunità locali. «Gestite in modo sostenibile, il turismo può essere una forza considerevole per la promozione e la salvaguardia del patrimonio materiale e immateriale e si basa sull’incoraggiamento dello sviluppo dell’arte, dell’artigianato e altre attività creative», si legge una dichiarazione sul sito web della manifestazione. Irina Bokavo, direttore generale dell’Unesco, ha detto che obiettivo generale della conferenza è stato quello di creare una “positiva dinamica” tra cultura e turismo, avvertendo che i problemi in corso quali il traffico illecito di manufatti doveva essere fermato. «Spero che tutti [i membri della conferenza] lavoreranno insieme su questa materia», ha detto. Secondo l’UNWTO, oltre 1,1 miliardi di turisti viaggiato all’estero nel 2014, un aumento del 4,7 per cento rispetto all’anno precedente.
Con un aumento del 5 per cento, la regione Asia-Pacifico, si è classificato al secondo posto come crescita di persone che vanno in vacanza. La conferenza, ospita 98 paesi.