L’esercito turco sta a guardare

55

TURCHIA – Ankara 27/12/2013. In quella che è sempre più la tangentopoli turca, le forze armate turche non interferiranno negli ultimi avvenimenti politici nel paese, lo ha annunciato lo Stato Maggiore del paese.

Stando a fonti interne, le Forze armate turche stanno osservando con attenzione gli eventi nel paese, ma nonintendono intervenire al momento. La polizia turca ha condotto alcune operazioni speciali a Istanbul e Ankara il 17 dicembre, arrestando 52 persone tra imprenditori e figli di alcuni ministri. Gli imprenditori sono stati accusati di corruzione, contrabbando e traffico di droga. Tra gli arrestati con l’accusa di corruzione, i figli di alcuni ministri, membri del partito di governo in Turchia: il figlio del ministro dell’Economia Zafer Caglayan, Salih Kaan Caglayan e il figlio del ministro dell’Interno Muammar Guler, Baris Guler, e quello per lo Sviluppo urbano e l’ambiente Erdogan Bayraktar, Oguz Bayraktar. Sono stati arrestati durante la stessa operazione anche il sindaco della municipalità di Fatih (Istanbul), Mustafa Demir, il direttore generale della Turkish Halkbank, Suleyman Aslan e il imprenditore Ali Agaoglu . Ricerche sono state condotte presso l’ufficio del Halkbank; Demir e Agaoglu sono stati rilasciati poi il 21 dicembre. Dopo un incontro con il presidente turco Abdullah Gul, il Primo Ministro Recep Tayyip Erdogan ha annunciato il nuovo gabinetto dei ministri. Il parlamentare di Ankara Emrullah Isler è stato nominato vice primo ministro, al posto di Bekir Bozdag, nominato ministro della Giustizia. Lutfi Elvan è stato nominato ministro dei Trasporti e delle Comunicazioni;  Ayshenur Islam ministro per la Famiglia e le Politiche Sociali; mentre Mevlut Cavusoglu a capo del Ministero per gli Affari europei. Fikri Isik Bilim è il nuovo ministro per la Scienza, Industria e Tecnologia, mentre Gulluce Idris è  il ministro dello Sviluppo Urbano e Ambientale. Infine Akif Cagatay Kilic è stato nominato ministro dello Sport e della Gioventù mentre, Nihat Zeybekci, ministro dell’Economia e Efkan Ala è il nuovo ministro dell’Interno.