TURCHIA. Sarte siriane fabbricano mascherine per la Pandemia

52

Donne siriane, tutte rifugiate in Turchia e tutte volontarie, stanno realizzando maschere protettive per quei lavoratori che combattono contro il coronavirus. Le donne lavorano in un centro di formazione professionale nella provincia turca sudorientale di Sanliurfa, gestito dall’organizzazione umanitaria turca Humanitarian Relief Foundation, Ihh.

Per le maschere usano un tessuto di seta che può essere riutilizzato. La Turchia ospita più di 3,6 milioni rifugiati siriani, più di qualsiasi altro Paese al mondo. Le volontaire, tutte rifugiate siriane trascorrono molto tempo nel centro per questo lavoro, riporta Anadolu.

Questa iniziativa di volontariato è stata originata dalla crescente domanda di maschere in Turchia, dopo che le autorità hanno deciso di imporla nei mercati e centri commerciali.

Il direttore del centro Ihh, riporta Baladi News, Muhammed Shaha, ha dichiarato che «I volontari del centro producono quotidianamente circa mille pezzi e che il Centro di agenzie di soccorso turco che poi vengono distribuite gratuitamente a quanti ne hanno bisogno. 

Il direttore ha sottolineato che «l’agenzia di soccorso turca sta lavorando per distribuire gratuitamente le maschere ai poveri e agli orfani senza discriminazioni tra siriani e turchi». 

A sua volta, il rappresentante dell’Organizzazione turca di soccorso umanitario nello stato di Sanliurfa, Bahgat Attila, ha dichiarato che: «I volontari siriani stanno lavorando molto duramente per produrre le maschere, poiché vogliono essere di aiuto a sostenere le misure per prevenire il contagio da coronavirus».

Ha poi spiegato che la produzione di maschere al centro «è sotto la supervisione della direzione del ministro della Salute di Sanliurfa.

Bahgat Attila ha poi detto che: «Vorremmo ringraziare i nostri fratelli siriani che hanno lasciato volontariamente i loro figli a casa e sono venuti per contribuire alla produzione di maschere e sostenere le misure preventive adottate dalle autorità turche».

E il ministero della Salute turco ha annunciato, nell’ultima statistica, che il numerò dei morti per coronavirus è aumentato arrivando a 649, dopo aver registrato 75 nuovi decessi.

I dati pubblicati dal Ministero sul suo sito web hanno mostrato che laTurchia ha registrato 3.148 nuove infezioni dovute Covid-19 nelle ultime 24 ore, portando il totale a 30.217. 

Gli stessi dati hanno mostrato che il numero di persone che si stanno riprendendo dal virus ha raggiunto il numero di 1.326, mentre nelle unità di terapia intensiva sono ricoverate 1.415 persone.

Inoltre viene indicato che 202.845 test per Covid-19 sono stati effettuati in tutto il paese.

Graziella Giangiulio