PKK: Ankara ha aiutato DAESH e Al Nusra

36

IRAQ – Monti Qandil 17/02/2016. I curdi hanno le prove documentali che la Turchia rifornisce Daesh, Jabhat al Nusra e altri gruppi radicali.

Queso aiuto rientra in una vicinanza a ideologica e fa parte di interessi strategici comuni, ha detto uno dei leader del Pkk, Murat Karayilan (nella foto), intervistato da Ria Novosti. «Insieme con l’Arabia Saudita e il Qatar, la Turchia ha sostenuto le organizzazioni jihadiste in Siria (…) Il Partito della Giustizia e dello Sviluppo ha un affinità ideologica con i gruppi salafiti oltranzisti (…) Loro hanno aiutato e armato i gruppi siriani radicali salafiti, che basano tutte le loro azioni sulla sharia», ha detto Karayilan in quest’intervista svoltasi presso la sede del Pkk sui monti Qandil in Iraq.
«In questo contesto, i curdi siriani, rappresentanti del partito” Alleanza Democratica” e delle altre forze curde, sono molto diversi a causa della loro visione moderna e laica della vita e della comunità politica. Questa è la ragione per l’odio provato dai jihadisti verso i curdi siriani», ha detto Karayilan che guida il Pkk dal 1999 dopo l’arresto di Abdullah Ocalan.
Secondo il leader Pkk, «le autorità turche li sostengono in questo modo: se i 3 milioni di curdi che vivono in Siria avranno uno stato indipendente e un certo status, i 20 milioni di curdi turchi immediatamente vorranno fare lo stesso (…) E sia per evitare questo che per spezzare la volontà dei curdi di creare un proprio Stato, l’Akp ha fatto e continuerà a fare tutto il possibile. Ad esempio, tra il 2012-2013, hanno addestrato i combattenti Ahrar al-Sham e Jabhat al Nusra sulle aree curde in Siria (…) Tutti questi gruppi terroristi, Al-Qaeda, Daesh, Jabhat al Nusra, Ahrar al-Sham, e abbiamo prove documentali, vengono nutriti dall’Akp» sostiene il leader del Pkk.
«Inizialmente, la Turchia ha alimentato e fortemente sostenuto al Nusra e Daesh (…) Siamo convinti al 100% che la Turchia abbia rapporti con Daesh, lo abbiamo visto con i nostri occhi. Molte volte ci sono state riunioni tra di loro con rappresentanti dell’elite al potere turca nel Daishev Rozhavy (ciò nel Kurdistan siriano, ndr). I leader di al Nusra e Daesh sono passati dal territorio turco», ha detto il rappresentante del Pkk.