TURCHIA. Nessuno può dirci di chiudere le nostre basi

152

Il Qatar afferma che la frattura diplomatica tra Doha e il gruppo guidato dall’Arabia Saudita «non può essere risolta in un giorno», dopo che il recente tentativo di mediazione del Segretario di Stato americano Rex Tillerson si è concluso senza alcun passo avanti.

Il ministro degli Esteri del Qatar Mohammed bin Abdulrahman Al Thani ha fatto questa dichiarazione in una conferenza stampa congiunta con il suo omologo turco Mevlut Cavusoglu ad Ankara, descrivendo lo scontro attuale come una “crisi tesa”, riporta Press Tv. All’inizio della scorsa settimana, Tillerson ha visitato Qatar e Arabia Saudita, tenendo colloqui con il principe della Corona saudita Mohammad bin Salman Al Saud e l’Emiro del Qatar Tamim bin Hamad Al Thani per risolvere il divario, ma senza alcun risultato.

La crisi nella regione del Golfo Persico si è aperta il 5 giugno, quando l’Arabia Saudita, il Bahrein, gli Emirati Arabi Uniti e l’Egitto hanno tagliato i legami con il Qatar, accusando ufficialmente Doha di sostenere il “terrorismo” e destabilizzare il Medio Oriente; affermazioni che il Qatar ha definito ingiustificate e originate da pregiudizi. Per aumentare la pressione sul Qatar, l’Arabia Saudita ha totalmente chiuso il suo confine con il suo vicino, attraverso il quale passava gran parte dei rifornimenti alimentari del Qatar. Iran e Turchia ora riforniscono di alimentari il paese del Golfo.

Il 22 giugno, le quattro nazioni arabe hanno inviato al Qatar un ultimatum in 13 punti per togliere il blocco, ma il governo di Doha ha rigettato le richieste, definendole «irrealistiche, irragionevoli e inaccettabili». Il ministro degli esteri del Qatar ha negato le affermazioni che il suo paese appoggi gruppi terroristici e ha accusato l’alleanza guidata dall’Arabia Saudita di non fornire prove per dimostrare le sue affermazioni.

Lo sceicco Mohammed ha anche parlato della richiesta del gruppo di chiudere la base militare turca in Qatar, che ospita circa 150 uomini, dicendo: «Nessuno paese ha il diritto di sollevare la questione della base turca o della cooperazione militare tra il Qatar e la Turchia finché questa La cooperazione rispetta il diritto internazionale». Il ministro degli Esteri turco, da parte sua, ha descritto la richiesta di chiudere la base militare del suo paese in Qatar come «inaccettabile», aggiungendo che i militari dei due paesi stanno discutendo dell’attuazione di un accordo bilaterale di cooperazione militare: «Un paese terzo non ha il diritto di dire qualcosa al Qatar o alla Turchia. Ognuno deve rispettare questo fatto», ha aggiunto Cavusoglu. Il diplomatico turco ha poi detto che la crisi potrebbe non essere risolta «a breve termine ma speriamo che si possa trovare una soluzione al problema nel medio termine».

Luigi Medici