TURCHIA. Nessuno può cancellarci dal programma F35

234

Gli Stati Uniti non possono rimuovere unilateralmente la Turchia dal programma del caccia F-35 poiché l’accordo di partnership non lo permette; lo ha detto il 21 giugno, il capo della Direzione delle Industrie della Difesa turco.

«Nessun singolo paese può dire che non ti vuole e poi rimuoverti dal programma», ha detto Ismail Demi, ripreso da Reuters. «Questo non fa parte dell’accordo, non è qualcosa su cui puoi semplicemente dire “ti escludo”. Il progetto F-35 è un partenariato e nessuna parte dell’accordo permette una rimozione unilaterale di un paese», ha detto Demir, ripreso da Reuters.

Ankara e Washington sono oramai ai ferri corti da mesi per il previsto acquisto da parte della Turchia del sistema di difesa missilistica russo S-400. Gli Stati Uniti dicono che gli S-400 sono incompatibili con la rete di difesa della Nato e potrebbero compromettere i suoi caccia F-35, un aereo che la Turchia sta aiutando a costruire e progettando di acquistare.

In una lettera alla Turchia, il Pentagono ha avvertito che Ankara verrà sospesa dal programma F-35 a meno che non cambi decisione. Washington ha già smesso di accettare altri piloti turchi per l’addestramento negli Stati Uniti e ha interrotto la consegna delle attrezzature relative al programma.

Gli Stati Uniti dicono che l’acquisizione della Turchia S-400 rappresenta una minaccia per gli F-35 della Lockheed Martin Corp e hanno minacciato di imporre sanzioni ad Ankara ai sensi del Countering America’s Adversaries Through Sanctions Act, Caatsa,  la cui possibilità ha spaventato gli investitori e ha contribuito a causare la vendita della lira quest’anno.

Demir ha detto che tali sanzioni potrebbero avere un certo impatto sull’industria della difesa turca: «La nostra industria della difesa produce parti per l’F-35, quindi, nel caso di sanzioni imposte, la nostra industria vivrebbe un periodo di crisi, ma poi lo supereremo», ha detto.

Lucia Giannini