Iraq primo partner commerciale della Turchia

57

TURCHIA – Ankara. 25/10/13. L’Iraq del nord è il principale partner commerciale della Turchia, più di 1.000 aziende turche operano attualmente nel nord dell’Iraq.
La notizia è stata diramata durante la conferenza stampa congiunta dopo l’incorro di venerdì tra Turchia e Iraq a seguito di un incontro tra i ministri degli esteri, al fine di migliorare le relazioni tra i due paesi che sono stati funestati negli ultimi anni da una serie di problemi .

«Abbiamo deciso di adottare nuove misure al fine di migliorare le relazioni bilaterali e di aprire nuovi orizzonti», Ha spiegato il ministro degli Esteri iracheno, Hoshyar Zebari nella conferenza stampa ad Ankara . «Abbiamo trasformato una vecchia pagina di storia e abbiamo aperto un nuovo capitolo nelle nostre relazioni», ha continuato Zebari. Negli ultimi due anni, Ankara e Baghdad si sono impegnati in “una guerra di parole” pubblica, accusandosi a vicenda di incitare le tensioni settarie e, in varie fasi, convocando reciproci ambasciatori per chiedere spiegazioni.

Tra le questioni spinose tra iRaq e Turchia vi sono: l’accoglienza in Turchia del latitante iracheno ex vicepresidente Tareq al – Hashem. Hashem, sunnita è stato condannato a morte a Baghdad con l’accusa di crimini contro l’umanità che avrebbe commesso insieme ai sui squadroni della morte, si trova in Turchia dal 2012. L’ex vicepremier si è difeso accusando la magistratura di essere “politicizzata” dal primo ministro sciita Nuri al-Maliki.

Ankara e Baghdad hanno in sospeso la questione del conflitto siriano. La presenza militare turca in Iraq che persegue i ribelli curdi, e ancora sul piatto della contesa come condividere la ricchezza del petrolio della regione.

Zebari ha annunciato che verrà istituito un nuovo meccanismo tra i due paesi per le consultazioni politiche e di comunicazione diretta. «I nostri canali ufficiali, i canali della diplomazia sono aperti», ha detto. Da parte sua, il ministro degli Esteri turco Ahmet Davutoglu ha detto che il suo governo considera la stagnazione di due anni tra Turchia e Iraq come “temporanea “.

«Possiamo ancora avere divergenze, ma siamo in grado di sederci e discutere come risolvere le nostre differenze attraverso il dialogo e creare una sinergia di differenze», ha detto. Davutoglu andrà in visita ufficiale in Iraq il prossimo mese.