Ankara e Atene concordano sulla sicurezza egea

95

TURCHIA – Ankara 12/05/2015. Turchia e Grecia hanno concordato nuove misure di sicurezza nel Mar Egeo e si impegnano a risolvere il lungo confronto su Cipro.

Lo hanno annunciato i ministri degli esteri dei due paesi il 12 maggio in una conferenza stampa congiunta. Ankara e Atene si confrontano da lungo tempo sui confini territoriali nell’Egeo, una tensione che nel 1990 era sull’orlo di uno scontro armato tra i due stati. «Abbiamo discusso delle misure di sicurezza che potrebbero essere adottate per evitare episodi indesiderati derivanti da attività militari nel Mar Egeo, e concordato una serie di misure per aumentare la sicurezza in mare», ha detto il ministro degli Esteri turco Mevlut Cavusoglu nel corso di una conferenza stampa congiunta ad Ankara con il suo omologo greco, Nikos Kotzias (nella foto). Entrambi i ministri hanno parlato dei progressi nei colloqui su Cipro che dovrebbero riprendere il 15 maggio. Gli sforzi per trovare una soluzione accettabile dai contendenti sono stati intensificati negli ultimi anni, anche grazie alla scoperta di giacimenti di gas al largo dell’isola di cui potrebbero beneficiare entrambe le parti. «La Turchia e la Grecia stanno dando il loro pieno sostegno, la comunità internazionale sta dando il suo sostegno e il 2015 è una buona opportunità, non vogliamo mancarla» ha detto Cavusoglu.