TURCHIA. Gli S400 arrivano in Turchia

159

Il primo lotto di S-400 per la Difesa della Turchia sarà caricato su aerei in una base militare russa quest’oggi, domenica 7 luglio, e inviato in Turchia la prossima settimana, ha riferito Haberturk TV.

Secondo il canale televisivo, la consegna sarà effettuata utilizzando due aerei da carico, con un team di nove ingegneri russi responsabili dell’installazione del sistema in Turchia per arrivare nel paese entro l’8 luglio. La consegna interesserà un sistema missilistico S-400 completo, specifica Haberturk.

In precedenza, un portavoce del presidente turco aveva detto che Ankara avrebbe ricevuto i suoi sistemi di difesa aerea di fabbricazione russa «molto presto, nei prossimi giorni», e ha promesso che «saranno attivamente utilizzati». Il portavoce ha aggiunto che le autorità stanno ancora esaminando le opzioni su dove saranno collocati gli S-400, con discussioni precedentemente tenute sul loro dispiegamento in Qatar o in Azerbaigian per evitare di esacerbare le tensioni turco-americane sull’acquisto. Le autorità avevano inizialmente discusso la collocazione dei sistemi di difesa aerea intorno alla capitale turca.

Durante l’incontro a Osaka, in Giappone, al vertice del G20 della scorsa settimana, riporta Sputnik, il presidente Trump ha detto al presidente turco Recep Tayyip Erdogan che Washington ha trattato Ankara “ingiustamente” per il suo accordo missilistico con la Russia, accusando il suo predecessore Barack Obama di essersi rifiutato di fornire alla Turchia i suoi sistemi missilistici Patriot in anticipo: «Devi trattare le persone in modo equo… e non credo che la Turchia sia stata trattata in modo equo», ha detto Trump.

Nonostante i commenti di Trump, gli Stati Uniti hanno continuato a minacciare la Turchia con sanzioni ai sensi del Countering America’s Adversaries Through Sanctions Act, Caatsa, e ha avvertito che potrebbe far decadere Ankara dal programma di caccia F-35. La Turchia, che ha investito oltre un miliardo di dollari nel programma e produce diversi componenti per l’aereo, non ha ancora preso possesso di un solo F-35, con quattro F-35 destinati alla Turchia che rimangono in una base aerea statunitense. Il mese scorso, i piloti turchi che si sono addestrati a bordo dell’aereo sono rimasti a terra.

All’inizio della settimana, commentando la rapina degli F-35, Erdogan ha accusato gli Stati Uniti di “rapina”, ricordando che Washington e Ankara avevano precedentemente firmato un accordo per la vendita di 116 F-35 alla Turchia.

Anna Lotti