TURCHIA. Erdogan vuole costruire con Putin gli S-500

130

Il Presidente turco Recep Tayyip Erdogan ha dichiarato di aver fatto a Vladimir Putin la proposta di produrre congiuntamente una nuova generazione di sistemi di difesa missilistica di alta quota S-500. «Ho contattato il Presidente Putin con una proposta sulla produzione congiunta della S-500», ha detto Erdogan in un’intervista alla Tgrt Haber. Il Presidente turco non ha menzionato la risposta del Presidente russo.

L’agenzia Anadolu ha citato Erdogan affermando che Mosca aveva concesso ad Ankara un prestito per l’acquisto dei sistemi missilistici antiaerei S-400 a «condizioni molto accettabili». «Durante la seconda e la terza fase, procederemo alla produzione congiunta dei sistemi S-500», ha detto Erdogan. Il presidente turco aveva detto in precedenza a proposito di S-400: «Si tratta di sistemi di difesa. Che cosa ci faremo se non utilizzeremo questi sistemi di difesa? Dipenderemo di nuovo dagli Stati Uniti? Li chiediamo da anni, ma la risposta che ci è stata data è stata: “Il Congresso non lo consente”. Siamo stanchi di questo fatto», ha detto Erdogan.

Il ministro della Difesa russo Sergei Shoigu aveva detto in precedenza che il nuovo sistema inizierà ad essere fornito alle forze armate nel 2020, riporta Press Tv. A febbraio 2018, l’allora vice primo ministro russo Dmitry Rogozin, riportava il Kommersant che nella regione occidentale di Nizhny Novgorod era già in corso la produzione dei sistemi S-500 e S-400 per autocarri.

Il sistema S-500 avrà un raggio di 600 chilometri nella variante anti-missili balistici e 400 chilometri nella versione di difesa aerea. Questo sistema sarebbe in grado di impegnare fino a 10 bersagli balistici ipersonici che volano a velocità comprese tra 18.000 chilometri all’ora e i 25.000 km/h.

S-500 sarà in grado di utilizzare missili con testata nucleare per eliminare più testate contemporaneamente o per distruggere singole testate con missili hit-to-kill; dovrebbe offrire notevoli miglioramenti rispetto all’S-400, l’attuale sistema di difesa aerea di punta della Russia. Tuttavia, a causa dei costi di produzione e manutenzione più elevati, il sistema S-500 verrà utilizzato solo contro le minacce che sono fuori dalla portata del suo predecessore.  

Tommaso dal Passo