TURCHIA. Erdogan usa in campagna elettorale le immagini di Christchurch

92

Il presidente turco Recep Tayyip Erdogan ha mostrato il 17 marzo, parti del video comparso sui social media dell’uomo che ha sparato in due moschee neozelandesi, che ha fatto 50 morti e altrettanti feriti in due attacchi speculari.

Durante un evento della campagna elettorale locale, in vista delle elezioni del 31 marzo, del partito Giustizia e lo sviluppo, Akp, e del partito del Movimento nazionalista, Mhp, nella città di Smirne, Erdogan ha mostrato oltre un minuto del video degli attacchi, considerati dal primo ministro neozelandese Jacinda Ardern come atti di “terrorismo”: «Tutti i leader, tutte le organizzazioni, a cominciare dalle Nazioni Unite, lo considerano un attacco contro l’Islam e i musulmani. Ma non etichettano l’attentatore come un terrorista cristiano», ha detto Erdogan durante la riunione tenutasi.

«Se fosse musulmano, direbbero terrorismo islamico. Guarda, questo è molto importante. Ho detto all’Occidente, perché non lo dice lei?» Erdogan ha aggiunto prima di trasmettere il video su un grande schermo, riporta Efe.

Nel filmato trasmesso, che l’aggressore ha trasmesso via Facebook, si vedeva il momento in cui Brenton Tarrant, 28 anni, australiano è entrato in una moschea e ha aperto il fuoco sui fedeli dopo le preghiere di mezzogiorno. Il primo Ministro turco ha detto che «l’uomo è attualmente di fronte a un capo d’accusa di omicidio, ma ovviamente ci saranno ulteriori accuse» presentate contro di lui.

Altre due persone sono oggetto di indagine nei due attentati. Le tre persone detenute non erano in nessuna lista di controllo neozelandese o australiana e non erano note alla polizia.

La polizia neozelandese ha anche espresso la sua convinzione che Tarrant sia l’unico responsabile degli attacchi armati alle due moschee di Christchurch; ha confermato che nessuno dei sospetti era noto alla polizia e ha aggiunto che «parte della nostra indagine dovrebbe essere quella di guardare indietro per garantire che le forze dell’ordine non perdano alcuna opportunità di prevenire simili orrendi eventi».

Per quanto riguarda gli altri individui arrestati dopo gli attentati, la donna fermata è stata rilasciata senza che le venisse mossa alcuna accusa, mentre un altro uomo è stato accusato di crimini legati al possesso di armi, ma non era sospettato di essere coinvolto negli omicidi.

Tommaso dal Passo