TURCHIA. Erdogan: “Nessun progetto energetico mediterraneo può escluderci”

43

Il Presidente russo Vladimir Putin e il Presidente turco Recep Tayyip Erdogan hanno inaugurato il nuovo gasdotto che collega i due Paesi, nel corso di una cerimonia svoltasi l’8 gennaio a Istanbul; i due hanno anche discusso le tensioni su Libia e Siria. Erdogan ha descritto i gasdotti Turkstream – che trasporteranno il gas russo in Turchia e in Europa attraverso il Mar Nero – come un «progetto di importanza storica» per le relazioni tra i due Paesi.

Durante il suo discorso, riporta Trt, Erdogan ha escluso che qualsiasi progetto nel Mediterraneo orientale possa escludere la Turchia: «Non c’è alcuna possibilità di realizzare alcun progetto nel Mediterraneo orientale che escluda il nostro Paese…». La settimana scorsa, Grecia, Israele e l’amministrazione greco-cipriota hanno firmato un accordo per la costruzione di EastMed, gasdotto di 1.900 km di gas naturale che andrà da Israele attraverso Cipro meridionale, Creta, la Grecia all’Italia, un piano che la Turchia dice che è destinato a fallire.

Il gasdotto è stato un segno di «interazione e cooperazione a beneficio della nostra gente e dei popoli di tutta Europa, del mondo intero (…) Sono sicuro che in futuro la Russia e la Turchia realizzeranno molti altri progetti reciprocamente vantaggiosi sia nel settore energetico che in altri settori»ha detto Putin alla cerimonia di inaugurazione.

Ci sono tendenze ad aumentare le tensioni nella regione, ma la Turchia e la Russia puntano al contrario, ha sottolineato il presidente russo. Putin è arrivato la sera del 7 gennaio, dopo aver fatto una visita non annunciata in Siria, in un momento di acuta incertezza in Medio Oriente dopo l’uccisione del generale iraniano Qasem Soleimani da parte degli Stati Uniti.

TurkStream e i gasdotti Nord Stream sotto il Baltico permettono alla Russia di aumentare le forniture di gas all’Europa senza dover dipendere dall’Ucraina. Ma il crescente dominio di Mosca sui mercati energetici europei sta preoccupando gli Stati Uniti, che il mese scorso hanno sanzionato le imprese che lavoravano su TurkStream e sul quasi completato Nord Stream 2.

TurkStream, che è stato temporaneamente interrotto durante un periodo di gelo nelle relazioni tra Russia e Turchia, comprende due condotte parallele di oltre 900 chilometri. Il gasdotto collega Anapa in Russia a Kiyikoy, nella Turchia nordoccidentale, e ha già iniziato le consegne in Bulgaria. È in fase di estensione verso la Serbia, l’Ungheria e l’Austria.

Il gasdotto ha una capacità totale di 31,5 miliardi di metri cubi, di cui la prima linea porterà 15,75 miliardi di metri cubi di gas russo ai consumatori turchi. La seconda linea porterà altri 15,75 miliardi di metri cubi di gas in Europa attraverso la Turchia.

Graziella Giangiulio