TURCHIA. Erdogan mantiene i tassi di prestito

60

La banca centrale turca dovrebbe mantenere il suo tasso di prestito di riferimento dell’8,25% questa settimana, anche dopo che la lira è scesa a un livello record: a dirlo gli economisti intervistati della Reuters.

La maggior parte degli economisti non si aspettava alcun cambiamento nel tasso di prestito di una settimana. Cinque dei 16 economisti intervistati hanno visto un aumento del tasso tra i 25 punti base, o 0,25 punti percentuali, e i 175 punti base.

La banca centrale turca ha mantenuto il suo tasso di interesse di riferimento in sospeso a giugno e luglio, citando le pressioni inflazionistiche, dopo averlo tagliato dal 24 per cento dal luglio 2019 per sostenere le politiche economiche favorevoli alla crescita del governo. Il Presidente Recep Tayyip Erdoğan ha licenziato e sostituito il governatore della banca l’estate scorsa per non essere riuscito a ridurre i costi dei prestiti.

Il costo medio ponderato del finanziamento della banca si è attestato al 9,06 per cento venerdì, a causa delle cosiddette misure di back-door, rispetto al 7,34 per cento del 16 luglio.

Secondo la Reuters la stima mediana del costo medio ponderato del finanziamento alla fine di agosto era del 10,13 per cento. Le previsioni di 12 economisti variavano tra il 9 e l’11,25 per cento, ha detto.

Il tasso di interesse di riferimento della Turchia dell’8,25 per cento si confronta con l’inflazione dei prezzi al consumo dell’11,8 per cento. Erdoğan si oppone all’aumento dei tassi di interesse sostenendo che sono inflazionistici, un punto di vista opposto alla saggezza economica convenzionale che dice che i costi di prestito più elevati sono uno strumento efficace per combattere l’inflazione.

Cinque economisti hanno detto che la banca probabilmente manterrà il suo tasso di riferimento invariato fino alla fine dell’anno, mentre altri quattro si aspettano un aumento. Le stime per l’aumento variavano da 75 punti base a 375 punti base.

La stima mediana per il costo medio ponderato del finanziamento alla fine dell’anno era dell’11,5%, con le previsioni di nove economisti che andavano dal 10% al 13,75%, ha detto Reuters.

Redazione