TURCHIA. Banca comune tra Teheran e Ankara contro le sanzioni USA

80

Iran e Turchia stanno lavorando alla creazione di un nuovo meccanismo finanziario anti-sanzioni per proteggere i reciproci legami commerciali ed economici e affrontare le sanzioni degli Stati Uniti, ha annunciato l’ambasciatore dell’Iran in Turchia Mohammad Farazmand. L’ambasciatore ha spiegato che l’Iran esporta un grande volume di gas in Turchia e ha bisogno di un nuovo meccanismo da creare per facilitare le transazioni finanziarie attraverso le valute nazionali di entrambi i paesi.

«Siamo anche in procinto di creare una banca comune», ha detto Farazmand all’agenzia di stampa Mehr. L’ambasciatore ha osservato che tutti i paesi hanno il diritto di sviluppare legami commerciali comuni tra loro e non è stato fatto nulla di illegale a questo proposito, tuttavia, ha detto che la mossa  non è fatta per prevenire le sanzioni degli Stati Uniti, e Teheran non vuole aggirare le norme. «Tuttavia, oltre alle sanzioni contro l’Iran, che viola i diritti dei nostri paesi, gli Stati Uniti stanno creando un terrorismo economico».

Ankara è il partner economico di Teheran, in quanto gli scambi commerciali della Turchia con l’Iran nel 2010 hanno raggiunto i 10 miliardi di dollari, con un picco nel 2012 quando ha raggiunto i 21,9 miliardi di dollari, per poi diminuire. In precedenza, le esportazioni turche verso l’Iran hanno raggiunto il livello record di 9,9 miliardi di dollari, ma nel 2017 sono scese bruscamente a 3,3 miliardi di dollari. La tendenza al ribasso nel 2018 è continuata con 2,4 miliardi di dollari.

Le importazioni della Turchia dall’Iran sono scese da 12,5 miliardi di dollari nel 2011 a 7,5 miliardi di dollari nel 2017 e 6,9 miliardi di dollari nel 2018. Con la crisi della lira turca emersa l’anno scorso, Ankara ha iniziato a prendere in considerazione la possibilità di fare affari con diversi paesi, tra cui Iran, Russia e Cina in valuta locale, ma non ha compiuto passi concreti al riguardo.

La Turchia ha interrotto le importazioni di petrolio greggio dall’Iran all’inizio di maggio in conformità con le sanzioni statunitensi, da cui la Turchia è stata esentata per sei mesi, riporta Asharq al Awsat

In altre notizie, i mercati finanziari turchi hanno visto negli ultimi mesi vendite su larga scala, gettando un’ombra sul futuro dell’economia del paese.

La Turchia deve affrontare un’ulteriore instabilità politica, dopo che il risultato del voto del sindaco del 06 maggio a Istanbul è stato ribaltato e rifissato per il 23 giugno. Dopo tre quarti di crescita negativa, il prodotto interno lordo della Turchia è cresciuto dell’1,3% nel primo trimestre dell’anno rispetto al trimestre precedente, come mostrano i dati dell’Istituto Statistico Turco. Ma gli effetti della recessione fanno sì che l’economia sia ancora più contratta del 2,6% rispetto all’anno precedente. 

L’economia turca è entrata in recessione per la prima volta dal 2009, quando ha subito due trimestri di contrazione per terminare lo scorso anno, dopo mesi di turbolenze causate dall’indebolimento della lira e dalle tensioni con gli Stati Uniti.

La ripresa della crescita registrata nel primo trimestre 2019 sarebbe stata trainata dalle misure di stimolo introdotte dal presidente Recep Tayyip Erdogan prima dei sondaggi del 31 marzo e potrebbe rivelarsi temporanea. Il governo ha cercato di sostenere la lira dopo aver perso quasi il 30 per cento del suo valore lo scorso anno e ha incrementato la spesa pubblica prima delle elezioni, ma la lira si è ritirata in aprile portando le perdite dall’inizio dell’anno a circa il 15 per cento.

La volatilità delle riserve in valuta estera della banca centrale, che inspiegabilmente è precipitata nel periodo precedente le elezioni locali, sta allarmando gli investitori. La banca centrale ha detto di tagliare la spesa, per bocca del governatore Murat Cetinkaya che ha annunciato una ferma posizione contro l’inflazione, attualmente vicino al 20 per cento, per proteggere le sue riserve di valuta estera, riporta Afp. Le statistiche finanziarie e bancarie della Banca Centrale hanno mostrato che le riserve totali hanno raggiunto i 93,547 miliardi di dollari al 24 maggio. Le riserve nette in valuta estera della banca centrale sono arrivate a 73,92 miliardi di dollari a partire dal 24 maggio.

Maddalena Ingrao