TUNISIA. Rush finale per il voto

24

Un giorno prima della chiusura della campagna per le elezioni presidenziali tunisine di domenica, i candidati si affrettano ad intensificare gli incontri con i cittadini e a correre contro il tempo per convincere gli elettori della serietà e dell’efficacia dei loro programmi elettorali.

Tuttavia, queste intense campagne elettorali hanno visto molte violazioni, mentre i membri dell’Alta Commissione elettorale indipendente hanno considerato solo quelle ordinarie e non influenti sulla battaglia elettorale. Dieci giorni dopo l’inizio della campagna elettorale, il 2 settembre, la Commissione elettorale ha registrato almeno 1.000 violazioni, riporta Asharq al Aswat.

Le elezioni presidenziali nei paesi della diaspora tunisina sono iniziate il 13 settembre e proseguiranno per tre giorni. Le autorità hanno dedicato 392 seggi elettorali per ricevere circa 400.000 iscritti.

Il ministero dell’Interno ha annunciato il reclutamento delle forze di sicurezza per garantire un processo elettorale regolare domenica 15 settembre. Ha rilevato di aver adeguato l’orario di lavoro adottando un sistema di lavoro continuo di 24 ore su 24, oltre a rafforzare la presenza delle sue unità di sicurezza in vari governatorati.

Otto anni dopo l’avvio della primavera araba, la Tunisia è considerata un modello di transizione democratica, mentre altri paesi che hanno vissuto le rivolte di massa sono presi dal caos, dalla repressione o dalla guerra. Nonostante gli elogi, il paese nordafricano di oltre 11,5 milioni di persone sta ancora lottando per affrontare difficili questioni economiche e sociali. Ventisei candidati sono in corsa per le elezioni, che si tengono dopo la morte del primo leader democraticamente eletto del paese nel mese di luglio.

Tra i candidati ci sono Youssef Chahed, il primo ministro uscente di 44 anni, il magnate dei media in carcere Nabil Karoui e Abdelfattah Mourou del partito islamista Ennahda.

Karoui ha iniziato uno sciopero della fame in prigione chiedendo di poter votare, ha detto il suo avvocato a Reuters il 12 settembre. È il proprietario del canale televisivo Nesma ed è stato arrestato tre settimane fa per sospetta evasione fiscale e riciclaggio di denaro sporco.

Sono candiate anche due donne: Abir Moussa (44 anni), presidente del Partito costituzionale libero della Tunisia, e Salma Al Loumi (63 anni). Era il ministro del turismo nel governo di Habib Essid. Prima della sua nomina, ha lavorato come segretario politico del partito Nidaa Tounes.

Lucia Giannini