Nuove rivelazioni sugli omicidi politici tunisini

6

TUNISIA – Tunisi 08/10/2015. Ripartono le indagini sugli omicidi Belaid, Brahmi e Mekki.

Dopo le rivelazioni fatte da Attassia Tv, una nuova indagine è stata aperta il 6 ottobre sugli omicidi di Mohamed Brahmi e Chokri Belaid (nella foto la moglie duranre una marcia di protesta successiva all’omicidio) avvenuti nel nel 2013. Lo ha annunciato la stessa magistratura tunisina il 7 ottobre.
Attassia Tv, infatti, afferma di possedere tutte le informazioni su coloro che hanno ucciso Chokri Belaid e Mohamed Brahmi.
In un video diffuso il 4 ottobre che sarebbe stato registrato in Svizzera, Moez Ben Gharbia, editore di Atassia Tv, rivela di conoscere i nomi degli autori dei due delitti; sostiene inoltre di essere stato obiettivo di un attentato, a seguito di queste rivelazioni per questo di essere in Svizzera, sotto scorta della polizia.
La figura di Ben Gharbia è controversa e questo sue rivelazioni hanno accesso le speranza e i dubbi degli scettici; per Mohamed Jmour, vice segretario generale del Partito dei patrioti democratici uniti, il partito di Chokri Belaid: «Si tratta di uno che sa quello che dice. Le autorità giudiziarie, politiche e di sicurezza in Tunisia dovrebbero sentire e vedere le sue informazioni», ha detto all’emittente Rfi.
Il boss di Attassia Tv ha postato il video il 5 ottobre; racconta anche il tentativo di assassinio subito il 29 Settembre 2015; quando tre persone di nazionalità araba hanno tentato di assassinarlo proprio quando non godeva più della protezione del Ministero dell’Interno.
Moez Ben Gharbia afferma che coloro che uccisero Brahmi e Belaid siano gli stessi che stanno cercando di eliminarlo. Ha assicurato di essere in possesso di informazioni sulla morte dell’avvocato Faouzi Ben Mrad, che rivelò pochi giorni dopo la morte di Chokri Belaid, in una conferenza stampa di avere informazioni scottanti a riguardo. Dopo di lui, è stato ucciso anche l’imprenditore e politico tunisino Tarak El Mekki con un’overdose di Viagra sciolta in un bicchiere di succo di frutta.
Ben Gharbia afferma che: «Un partito politico influente sta dietro l’assassinio di questi personaggi. Questo stesso partito ha cercato di uccidermi».
Le rivelazioni di Atassia Tv esplodono con forza durante il processo a 24 tunisini accusati di coinvolgimento nell’uccisione di Chokri Belaid avvenuta il 6 febbraio 2013 che sta per riprendere a Tunisi il 30 ottobre. Nel febbraio 2014, le autorità tunisine avevano annunciato la morte di Kamel Gadhgadhi, presunto assassino del leader di sinistra tunisino.
L’assassinio di Brahmi e Belaid è stato rivendicato a dicembre 2014, in un video, dallo Stato islamico.Abu Mouqatel ricercato in Tunisia, ha detto: «Sì tiranni, siamo noi che abbiamo ucciso Chokri Belaid e Mohamed Brahmi».