Nuove manifestazioni a Tiunisi

59

TUNISIA – Tunisi 23/10/2013.  Centinaia di attivisti dell’opposizione hanno manifestato nel centro di Tunisi il 23 ottobre chiedendo le dimissioni del governo islamico, in vista della creazione di un dialogo nazionale per uscire da mesi di stallo politico.

I manifestanti si sono riuniti sul centrale viale Habib Bourguiba, sventolando bandiere tunisine e gridando slogan come: «Il popolo vuole la caduta del regime» e «Governo di traditori, dimissioni!». La manifestazione si è svolta con una pesante presenza delle forze di sicurezza, mezzi blindati e poliziotti in tenuta anti-sommossa schierati lungo il viale centrale di Tunisi, già epicentro della rivoluzione del 2011. Questa manifestazione si è svolta poche ore prima dell’inizio del dialogo nazionale previsto tra Ennhada e l’opposizione. I mediatori sperano che i colloqui porteranno alla fine della paralisi politica che attanaglia il paese dall’uccisione nel luglio 2013 del deputato dell’opposizione Mohammad Brahmi e o possa segnare un passo fondamentale nella transizione democratica del paese. Il primo ministro islamico Ali Larayedh dovrebbe annunciare il suo impegno a dimettersi proprio in vista dei colloqui. Secondo la tabella di marcia prevista, il dialogo nazionale porterà entro tre settimane alla formazione di un governo tecnico. I negoziatori avranno anche un mese per adottare una nuova costituzione, leggi elettorali e un calendario per nuove elezioni.