Sabratha: paura in Tunisia

48

TUNISIA-Tunisi. 20/09/15. Le autorità tunisine hanno rafforzato le misure di sicurezza nelle città al confine con la Libia a partire dalla giornata di venerdì.

Il compito è quello di monitorare i raduni di decine di tunisini in un campo a Sabratha, luogo purtroppo noto per l’addestramento dei jihadisti. L’allarme è stato lanciato dal autorità libiche, territorio di competenza del campo. La sicurezza in Tunisia è stata intensificata con pattuglie militari, fisse e mobili, aumentato il numero di punti di monitoraggio e ispezioni sulle strade da e per Sabratha, al momento non è stato dichiarato lo stato di allerta nel Paese. Gli osservatori hanno detto, che in base alle loro informazioni e ai movimenti nell’area le forze di sicurezza tunisine hanno preso molto sul serio la possibile minaccia terroristica proveniente dalla Libia. Il ministro tunisino dell’Interno ha avvertito la scorsa settimana, della possibile vulnerabilità del paese ad atti terroristici, mentre fonti della sicurezza hanno riferito che il Ministero degli Interni tunisino ha ricevuto informazioni di intelligence che indicano l’esistenza di piani per compiere atti terroristici con auto-bombe indirizzare ai ministeri, alla sede del governo e altre vitali installazioni a Tunisi. Secondo i media locali le minacce sarebbero dunque reali e c’è il  “sospetto” che un certo numero di elementi tunisini ora nei campi in Libia sia pronto per compiere attentati terroristici in Tunisia per nome di organizzazioni terroristiche. Fonte Libia Channel.