TUNISIA. La danza è espressione di tolleranza e libertà

72

Nella Tunisia sconvolta dalle proteste sociali, da sette anni, un ballerino e coreografo di Tunisi sta imponendo uno stile, controverso, nella danza popolare tunisina, inserendolo nel panorama artistico contemporaneo. Rochdi Belgasmi, 31 anni, si definisce artista post-rivoluzionario, grazie alla rivolta che ha portato alla destituzione del presidente tunisino Ben Ali nel gennaio 2011. Quel movimento fu soprannominato la Rivoluzione dei Gelsomini.

Belgasmi, che da anni si occupa di danza materiale e didattica, spiega che la danza popolare tunisina non è ben vista nel mondo musulmano a causa delle sue radici; originariamente si basava sulla seduzione e la sessualità, e aveva connotazioni di prostituzione e omosessualità, riporta Efe. All’inizio della sua carriera, molti consideravano le sue prestazioni “bizzarre”. Ha anche dovuto andare in tribunale per difendersi dalle accuse di indecenza. Durante una festa di Cartagine, i membri del partito Ennahdha si sono scandalizzati per una sua esibizione contestata.

Per il coreografo tunisino, è importante differenziare la danza popolare tunisina dalla tradizionale danza orientale o del ventre. Indipendentemente dal fatto che un ballerino sia un uomo o una donna, per Belgasmi il linguaggio del corpo è la chiave. La danza è una forma di espressione allo stesso modo del parlare, e può essere usata per interpretare ogni tipo di soggetto, come la politica, la religione e la società, senza tabù.

Gli argomenti di interesse di Belgasmi sono spesso controversi, e possono includere l’erotismo e la sessualità nell’Islam, così come la prostituzione, provocando reazioni da parte di gruppi conservatori e religiosi. Nei laboratori che organizza per uomini e donne in tutta la Tunisia, si propone di diffondere i suoi valori di tolleranza e libertà. Anche se dice di aver affrontato diversi tentativi di censurare il suo lavoro, sembra godere del successo che le sue coreografie hanno creato nei media e sui social network.

Oggi Belgasmi viene invitato a esibirsi sui palcoscenici contemporanei di tutto il mondo. Nel 2016 ha vinto il premio della Fondazione Olfa Rambourg e nel 2017 ha vinto il Premio del Pubblico al Festival di Danza di Tunisi per il suo spettacolo “Ouled Jaleba”.

Lucia Giannini