Stop allo stato di emergenza

12

TUNISIA-Tunisi. 04/10/15. La presidenza tunisina ha tolto lo stato di emergenza. Da Ieri si è tornati alla normalità.

Lo stato di emergenza, che conferisce poteri eccezionali alle forze di sicurezza, era stato reintrodotto otto giorni dopo il più sanguinoso attentato jihadista nella storia della Tunisia, e poi esteso per due mesi per le minacce continue. «Annunciato 4 luglio e prorogato il 31 luglio, [it] finisce oggi 2 ottobre» a mezzanotte, ha detto il presidente della Repubblica in una breve dichiarazione. Il 26 giugno, 38 turisti, sono stati uccisi quando uno studente armato tunisino armati di Kalashnikov ha aperto il fuoco in un hotel a Port el Kantaoui vicino Sousse. L’attacco è stato rivendicato dall’organizzazione dello Stato Islamico, ed era il seguito dell’attentato al Museo del Bardo a Tunisi il 18 marzo dove altri 21 turisti e un poliziotto sono morti. Lo Stato Islamico in diversi messaggi, video e audio, ha sottolineato l’intento di colpire i turisti accusati di essere: “apostata” o “infedeli” che portano la corruzione in uno “stato islamico”.  L’autore dell’attacco a Port el Kantaoui, formato, secondo le autorità, in Libia, è stato sepolto lunedi 28 settembre, nella massima discrezione e sotto stretta sorveglianza di sicurezza Gaafour (nord-ovest), tre mesi dopo essere stato colpito dalla polizia.