Tunisi, il governo perde un ministro

50

TUNISIA – Tunisi. 31/07/13. Il Ministro tunisino per l’Istruzione, Salem Labyedh si è dimesso. A riferirlo il portavoce del primo ministro, oggi in una nota stampa. Il ministro avrebbe preso la decisione vista la grave crisi politica.

 

L’uccisione della scorsa settimana di un politico di sinistra, il secondo ad essere ucciso da presunti militanti islamici in sei mesi, e la difficile transizione di governo che sembra non portare ad una svolta dopo la rivoluzione dello scorso anno, hanno portato il ministro alle dimissioni. I partiti di opposizione e il più grande sindacato tunisino e il partito Ettakatol, nuovo partner della coalizione del governo islamista guidato da Ennahda hanno chiesto tutti le dimissioni del governo.

Labyedh, è un laico indipendente, e già all’indomani dell’omicidio del collega di sinistra Mohamed Brahmi aveva detto che si sarebbe dimesso, puntando il dito contro gli intransigenti islamisti salafiti.

L’opposizione chiede anche lo scioglimento della Costituente di transizione, a poche settimane dalla chiusura dei lavori della Costituente. 

Ennahda ha annunciato la sua disponibilità a formare un nuovo governo, ma ha fermamente respinto le richieste di sciogliere l’Assemblea.