Mega truffa al femminile a Jeddah

58

ARABIA SAUDITA – Jeddah. 07/01/14. Mega truffa ai danni dei cittadini sauditi da parte di una donna e del marito. La coppia avrebbe incassato in maniera fraudolenta SR500m (133milioni di dollari) spillati dalle tasche dei residenti prima di fuggire dal regno con il marito, fonte polizia di Jeddah.

Almeno 1.190 persone si sono lamentati di essere vittime della truffa della donna, scrive il quotidiano Al Watan, citando la polizia.
Alcuni hanno detto che la donna ha dato loro assegni come pagamento, ma le firme non corrispondono a quelle registrate presso la banca e le verifiche sono state respinte. La donna avrebbe avuto una licenza commerciale per una società di sviluppo immobiliare e un altro per importare prodotti elettronici. Una delle vittime ha detto ad Al Watan che la donna ha ammesso che non aveva una licenza regolare per fare investimenti, ma ha promesso che avrebbero ricevuto buoni come rendimento se avessero investito con lei. La vittima ha detto che inizialmente ha raccolto piccole somme di SR30.000 per SR40.000 prima di chiedere per milioni.
«Lei ha ampliato la sua attività, manipolato le vittime e firmato assegni con firme diverse fino a che non è stata in grado di raccogliere una grossa somma di denaro». Un’altra vittima ha affermato che la donna ha usato i contatti di una banca per presentarla ai potenziali clienti. Lui l’ha incontrata attraverso banchieri femminili circa sei mesi fa. «È stata in grado di convincermi di andare nel suo ufficio e contribuire SR6 milioni a uno dei progetti di investimenti in cui lei stessa aveva investito» ha detto.
Ha detto che ha volentieri ha dato i soldi alla donna dopo che lei gli mostrò contratto di esecuzione del progetto e ha detto che suo fratello stava lavorando in una società di sviluppo immobiliare negli Stati Uniti. Ha mandato SR800.000 del milione SR6 le diede al fratello di investire in America.
Egli ha affermato che quando ha fatto una denuncia al Ministero dell’Interno è stato detto che la donna era già fuggita in un altro paese GCC.
Prima di fuggire, la donna avrebbe inviato una lettera a sue vittime, chiedendo loro perdono e promettendo di rimborsare i loro soldi in due mesi.
La polizia non ha identificato la donna e ha detto che stavano valutando il numero delle vittime prima di emettere un mandato d’arresto all’estero.