Tripoli in fiamme

82

LIBIA – Tripoli. 28/07/14. Incendio devastante a Tripoli. I pompieri non riescono a spegnere le fiamme di un deposito di petrolio su Thet periferia di Tripoli, il timore è che l’incendio possa diventare una palla di fuoco che potrebbe causare una carneficina su una vasta area. Le autorità stanno evacuando l’area e lungo la strada per l’aeroporto, dove le milizie rivali hanno combattuto tra loro per le ultime due settimane. Fonte THE TIME of INDIA. 

Il deposito, si trova a circa 10 chilometri (sei miglia) dalla capitale libica, ha preso fuoco la Domenica quando è stato colpito da razzi lanciati dai combattenti, che stanno combattendo per il controllo dell’aeroporto. Contenente sei milioni di litri di carburante, l’impianto brucia in modo costante e le autorità temono l’incendio potrebbe diffondersi ad un serbatoio di gas naturale nello stesso impianto, gestito dalla statale National Oil Corp, in cui sono stoccati 90 milioni di litri. «C’è il rischio di una massiccia esplosione che potrebbe causare danni per un raggio di 3-5 chilometri», ha detto il portavoce Mohamed al-Hrari. «I vigili del fuoco hanno cercato per ore per spegnere l’incendio, ma senza alcun risultato. Le loro riserve idriche sono terminate e se ne sono andati».Ha detto che l’unica opzione rimasta è stato «un intervento per via aerea», mentre il governo ha detto che diversi paesi hanno offerto di inviare aerei antincendio in risposta ad un appello per aiuti internazionali. I combattimenti nella zona ha provocato la morte di 97 persone e 400 feriti, secondo gli ultimi dati diffusi dal ministero della salute.