Transnistria sempre più russa

62

TRANSNISTRIA -Tiraspol. 20/01/14. Il Soviet Supremo (Parlamento) della repubblica non riconosciuta della Transnistria ha approvato, il mese scorso, in prima lettura un disegno di legge che prevede l’impiego sul suo territorio della legislazione russa.

A darne notizia IA “Tiras”. Per il documento corrispondente hanno votato 30 deputati (con il minimo richiesto di 29 voti), uno – contro un altro si è astenuto. Il documento presentato al presidente della repubblica non riconosciuta dal parlamento Yevgeny Shevchuk. Ha proposto di aggiungere la costituzione PMR articolo 58-1, che afferma: «L’ordinamento giuridico Dnestr Repubblica moldava per formare la legislazione federale della Federazione Russa legislazione Dnestr Repubblica moldava e i principi e le norme del diritto internazionale e dei trattati internazionali generalmente riconosciute». «Se vogliamo entrare nello spazio commerciale eurasiatico dell’Unione doganale, dobbiamo fare ora dei cambiamenti, poi per semplificare e rimuovere le difficoltà che sorgono nel futuro» – ha detto Shevchuk, parlando ai parlamentari. Egli ha anche fatto notare che nella sua iniziativa legislativa, «ha concluso la volontà della Transnistria del popolo espressa nel referendum del 2006» (quando oltre il 97 per cento della popolazione ha votato per l’indipendenza della repubblica di Transnistria, seguito da un ingresso gratuito nella Federazione Russa). Secondo l’agenzia Interfax riferendosi a Shevchuk, l’adozione della normativa russa nel sistema giuridico Transnistria avverrà in tre fasi. La prima è quella dell’adeguamento normativo, la seconda fase sarà unificare le norme in materia di economia. La terza fase prevede la ricostruzione, secondo le autorità di sistema legislazione russe in Transnistria. La Transnistria si è dichiarata indipendente dalla Moldova nei primi anni 1990. Questa è stata seguita da un conflitto armato, che è stato fermato dopo l’intervento delle truppe russe. Successivamente, una parte del contingente è stato lasciato in Transnistria per compiti di mantenimento della pace. La Transnistria è riuscita a mantenere de facto l’indipendenza dalla Moldavia, ma il riconoscimento internazionale che non ha ricevuto. La Russia attualmente fornisce assistenza economica alla Transnistria.