THAILANDIA. Rama X: il re soldato è miliardario

549

di Maddalena Ingroia THAILANDIA – Bangkok 04/12/2016. Thailandia ha il suo primo nuovo monarca in sette decenni dopo che il principe ereditario Maha Vajiralongkorn è stato formalmente proclamato il 10° re della dinastia Chakri. Vajiralongkorn, 64 anni, ha accettato l’invito del parlamento, sostenuto dai militari, ed è diventato re Rama X. L’annuncio è avvenuto il 1 dicembre; Vajiralongkorn era l’unico figlio ed erede designato di re Bhumibol Adulyadej, morto il 13 ottobre a 88 anni. Il principe Vajiralongkorn, che sarà conosciuto come il re Maha Vajiralongkorn Bodindradebayavarangkun, secondo una dichiarazione rilasciata dal dipartimento di pubbliche relazioni del governo, ha incontrato Pornpetch Wichitcholchai, presidente dell’Assemblea nazionale legislativa, al Palazzo Dusit di Bangkok: «Vorrei accettare l’invito per il bene del popolo thailandese», ha detto il nuovo re in una dichiarazione televisiva. Wichitcholchai ha poi annunciato: «Vorrei annunciare che sua altezza reale il principe ereditario Maha Vajiralongkorn è sul trono». Vajiralongkorn sostituisce il monarca thailandese considerato come un simbolo di continuità nel corso di un regno segnato da decine eventi politicante drammatici come 10 colpi di stato. Il re-soldato, ricorda poi Bloomberg, eredita il controllo di una fortuna che vale decine di miliardi di dollari e include partecipazioni in alcune delle più grandi aziende del paese. Anche se Vajiralongkorn è ora re, il governo ha indicato che la sua cerimonia di incoronazione formale non si terrà fino alla scadenza dell’anno di lutto per Bhumibol e alla sua cremazione. Il nuovo re assumerà subito il ruolo di capo di stato nella monarchia costituzionale della Thailandia, e potrà decidere sugli investimenti reali nel Corona Property Bureau, nel 2012 stimato a 41,3 miliardi di dollari. L’ufficio di presidenza controlla le principali partecipazioni in alcune delle più grandi aziende della Thailandia, tra cui Siam Cement Pcl e Siam Commercial Bank Pcl; oltre a possedere vaste estensioni di terra in tutto il paese. «Uniamoci tutti a pregare per la fine del re Bhumibol e perchè protegga il nuovo re, pilastro del popolo thailandese e della Thailandia», ha detto il primo ministro Prayuth Chan-Ocha nei commenti televisivi dopo l’ascesa al trono.