Minoranze e potere

51

THAILANDIA – Bangkok. 09/12/13. Secondo il Daily Star, le minoranze stanno mettendo sotto scacco alcune nazioni, vedi Turchia, Ucraina e Tailandia.

«La crisi in atto a Bangkok – dove una minoranza politica sta manifestando per le strade per far cadere il governo democraticamente eletto del primo ministro Yingluck Shinawatra – è un esempio calzante», si legge nell’apertura del pezzo. Il Pheu Thai Party Yingluck (PTP) ha vinto le elezioni, in Tahilandia, con una maggioranza schiacciante nel 2011 guadagnando 265 deputati alla Camera bassa su 500 membri. Ma l’opposizione del Partito Democratico – 159 parlamentari, eletti principalmente a Bangkok e nella Thailandia meridionale – ha recentemente protestato nella capitale. «Il cosiddetto “Comitato popolare per la Riforme democratiche” – guidato dall’ex deputato del Partito Democratico Suthep Thaugsuban ha effettivamente tentato di organizzare un colpo di stato» si legge ancora sul The Daily Star.

Le proteste iniziate, da un gruppo di coltivatori della gomma della Thailandia meridionale, che chiedevano migliori condizioni di lavoro, sono scoppiate in scontri quando il governo ha cercato di emanare leggi di amnistia che avrebbe ribaltato la condanna dell’ex primo ministro Thaksin Shinawatra – fratello di Yingluck e fondatore del PTP, che fu cacciato dal potere dai militari nel 2006 – con l’accusa di corruzione e abuso di potere. Nonostante il successivo tentativo di Yingluck di fare marcia indietro sul provvedimento di amnistia l’opposizione ha continuato le proteste, ormai la miccia della rabbia si era accesa.

Anzi le proteste di piazza sono cresciute alimentate dal risentimenti verso la classe dirigente. Il governo di Yingluck si è rifiutato di accettare la sentenza della Corte Costituzionale contro un disegno di legge per modificare la formazione del Senato. La proposta di legge voleva che il Senato fosse interamente letto e non come ora che lo è solo a metà. Il governo ha affermato che la corte non aveva giurisdizione sugli emendamenti costituzionali. Il comitato del popolo ha visto questo rifiuto come un tentativo di pressione sul re nel controfirmare la legge – e quindi come una minaccia per le prerogative reali e il ruolo esaltato del re in Thailandia. Dall’inizio del nuovo secolo, le macchine del partito di Thaksin, alimentate da politiche populiste, hanno superato le sfide continue – sia dal punto di vista militare che da parte della Corte Costituzionale – per battere i democratici conservatori – realista in ogni elezione.

Le Forze di opposizione che sono stanche della corruzione di Thaksin hanno così recentemente iniziato il sequestro di ministeri e chiedono un governo regalmente nominato. Se ci riusciranno,  a scendere in piazza saranno i sostenitori PTP, proprio come hanno fatto nel 2009-2010, dopo un “golpe giudiziario ” disciolto partito di Thaksin al Potere Popolare, il predecessore del PTP, e i democratici formato un governo di coalizione. Ma questa volta i manifestanti saranno ancora più arrabbiati e la posta in gioco è molto più alta, perché il ruolo della monarchia nella democrazia elettorale della Thailandia verrà chiamata in causa.  La Thailandia dunque è un mostro politico a due teste pronte  a scontrarsi in piazza con le armi. Entrambe le parti invece di trovare i punti di incontro stanno cercando lo scontro. Questo problema oramai è diventato un fenomeno mondiale alimentato dall’impatto dei social media in Thailandia, come in Turchia e Malesia.

Nelle democrazie emergenti , le minoranze elettorali tendono ad essere legato al vecchio establishment, e spesso si oppongono cambiamento che è guidato da parvenu popolari. Si sentono emarginati e risentiti, sentimenti che compensano con gli scontri.