Amsterdam Partners LLP abbandona Thaksin

47

THAILANDIA – Bangkok. 07/01/15. Il lobbista Robert Amsterdam ha rotto con l’ex primo ministro thailandese Thaksin Shinawatra, citando come motivazione il deterioramento delle condizioni dei diritti umani dopo il colpo di stato maggio.

A seguito del colpo di stato militare nel maggio scorso, che ha rovesciato il governo eletto, le condizioni per i diritti umani sono deteriorate drasticamente, e quindi «il sodalizio tra Robert Amsterdam e l’ex primo ministro Thaksin si concluso concluso», ha detto Amsterdam & Partners LLP di Amsterdam in un comunicato. Amsterdam a partire del 2010 ha sostenuto Thaksin nella difesa dei diritti del movimento Camicie Rosse, compreso un ricorso dinanzi alla Corte penale internazionale (CPI). Amsterdam ha detto: «Siamo grati a Khun Thaksin per l’opportunità offertaci a tutela dei più deboli, e gli auguriamo il meglio nelle sue attività». Ha detto che l’attenzione ora sarà rivolta a una nuova campagna indipendente voluta da funzionari thailandesi responsabili nella giurisdizione estera. Tra gli obiettivi del nuovo movimento portare accuse penali nei confronti della dirigenza che ha eseguito il colpo di stato e i responsabili del massacro di Bangkok del 2010, così come perseguire la responsabilità per fare giustizia per le vittime. «La campagna sarà condotta su base pro bono, completamente indipendente da qualsiasi figura politica attiva o di partito in Thailandia», ha detto Amsterdam. «A fronte di una repressione terribile sotto il governo golpista attuale, non dobbiamo abbandonare lo sforzo di denunciare coloro che violano i diritti umani e di quelli che hanno fatto a pezzi la democrazia fragile della Thailandia», ha detto Amsterdam. «Consideriamo questo come una questione di importanza storica – solo quando vedremo queste élite accusate per i loro crimini ci potrà essere qualche speranza di ristabilire lo stato di diritto e del governo rappresentativo in Thailandia».