Iran contrariato da decisioni UE

24

IRAN – Teheran. 29/11/13. Il viceministro per gli Esteri e gli affari giuridici e negoziazione per il nucleare iraniano, Abbas Araqchi ha criticato la UE per la ri – imposizione di sanzioni contro le aziende iraniane. A darne notizia l’agenzia di stampa Mehr oggi.

Tuttavia, il viceministro, ha sottolineato che l’applicazione delle sanzioni precedentemente inflitte non è contro il nuovo accordo sul nucleare tra Iran e P5 +1 paesi . «Ma è contrario allo spirito di cooperazione e buona volontà», ha aggiunto, sottolineando che il nuovo accordo non include l’ammorbidimento di alcune delle principali sanzioni imposte all’Iran in precedenza. L’Iran e le sei potenze mondiali hanno raggiunto un accordo importante un grande passo in passo avanti il 24 novembre sul programma nucleare di Teheran. Le due parti hanno firmato un “piano di azione” congiunto, ha riferito il viceministro. Ma il 26 novembre, le sanzioni confermate dall’Unione europea in materia di compagnie di navigazione e di una società impegnata nello sviluppo di reattori nucleari hanno lasciato perlessi i funzionari iraniani.
Le aziende in questione, secondo l’agenzia di stampa Trend, sono: Repubblica islamica di Iran Shipping Lines , Bushehr Shipping Co. Ltd , Hafize Darya Shipping Lines (HDSL), l’iraniana – Misr Shipping Co. , Ltd Irinvestship, IRISL (Malta) Ltd, IRISL Club, IRISL Europe GmbH, quest’ultima Marine servizi e Engineering Co., ISI Maritime Ltd, Khazar spedizione Lines, Leadmarine, marmo Shipping Ltd, la società Safiran Payam Darya Shipping Lines (SAPID), Shipping Services Computer Co. , Soroush Saramin Asatir Ship Management, South Way Shipping Agency Co. Ltd e Valfajr 8 ° Shipping Line Co non possono di fatto cooperare con l’Iran.

«Gli Stati Uniti e i loro alleati occidentali sospettano che l’Iran sviluppi armi nucleari – cosa che l’Iran nega. La Repubblica islamica ha più volte dichiarato che non cerca di sviluppare armi nucleari, sostiene di utilizzare l’energia nucleare per ricerche mediche» si legge su Trend.