I tatuaggi della US NAVY

4

STATI UNITI D’AMERICA – Washington 03/04/2016. La Marina statunitense sta alleggerendo la sua politica sui tatuaggi nel tentativo di reclutare più marinai appartenenti alla generazione del nuovo millennio, di cui uno su tre ha tatuaggi.

I marinai saranno autorizzati ad avere tatuaggi su collo, avambracci e anche dietro le orecchie con le nuove regole, le più indulgenti di tutte le forze armate Usa. restano proibiti solo quelli sulla testa e sul viso, riporta Navy Times. Le nuove regole entreranno in vigore il 30 aprile e permetteranno ai marinai di:

• avere più tatuaggi o più grandi sotto il gomito o il ginocchio, compresi i polsi e le mani, permettendo anche quelli sugli avambracci che possono essere visti cole unicorni a mezze maniche.
• Avere un tatuaggio sul collo, dietro l’orecchio compreso, e non potrà superare 1 pollice di lunghezza o altezza (2,54 cm) in una o entrambe le direzioni.
• Sarà possibile per i marinai con i tatuaggi fare i reclutatori o essere istruttori al campo di addestramento di Great Lakes, Illinois. Queste assegnazioni difficili spesso danno la possibilità ai marinai di fare carriera.
Le regole non cambiano linee guida della Marina sulla body art.
Restano vietati «tatuaggi osceni, sessualmente espliciti, quelli discriminatori sul sesso, razza, religione, etnia o origine nazionale. Inoltre, i tatuaggi che simboleggiano affiliazione con bande, gruppi estremisti, o invitano all’uso di droghe illegali».
La politica aggiornata non si applica ai Marines, anche quelli in servizio presso i comandi della Marina.
Nel 2015, l’Esercito ha aggiornato le sue regole per consentire i tatuaggi sull’avambraccio, ma non permettere ai soldati di averne sul collo o sulle mani.
I tatuaggi dei marinai devono essere iscritti nel loro stato di servizio e chi verrà trovato ad avere tatuaggi proibiti subirà un’azione disciplinare fino anche al congedo, a discrezione dei comandanti.