Tapei comprerà armi dagli USA

33

TAIWAN – Tapei 23/08/1988. Gli Stati Uniti hanno rinnovato a Taiwan la loro promessa di fornire le armi per la difesa del paese, è quanto a dichiarato ieri il Ministro degli Affari Esteri americano in risposta all’invito del Ministro degli Affari Esteri cinese di interrompere la vendita di armi, avvenuto durante un incontro a Washington il 19 agosto scorso.

 

La questione della fornitura di armi non era all’ordine del giorno dell’incontro e la parte americana ha assicurato a Taiwan che manterrà la vendita, come previsto dal Taiwan Relation Act (TRA). Gli Stati Uniti hanno ribadito che aiuteranno Tapei a stabilire la capacità di autodifesa e contribuiranno al mantenimento di una situazione stabile nello stretto di Taiwan.

Pechino ha chiesto più volte a Washington, in occasione degli incontri bilaterali, di interrompere la vendita di armi, l’ultima volta (prima del 19 agosto) a giugno. Barack Obama ha sempre risposto che il suo paese manterrà gli impegni presi siglando il TRA. Ma a riguardo ci sono notizie contrastanti. Pare che la Cina abbia detto agli Stati Uniti di essere disposta a rivedere il dispiegamento delle proprie forze militari, in cambio della rinuncia della vendita di armi a Taiwan, e abbia proposto al governo di Barack Obama una task force congiunta sulla vendita di armi, che Washington avrebbe accettato. Il Ministro della Difesa di Taiwan ieri ha rilasciato una dichiarazione per smentire i media cinesi, si è detto convinto che gli Stati Uniti continueranno ad aderire al TRA e a provvedere alla difesa del paese.

Pechino ha inviato una delegazione militare negli Stati Uniti per quattro giorni, a partire dal 16 agosto, per discutere una vasta gamma di questioni, tra cui il riequilibrio delle forze statunitensi in Asia, nella regione del Pacifico, e le relazioni militari tra gli Stati Uniti e ogni stato della regione.