TAP il gas per l’Euorpa

74

AZERBAIJAN – Baku. 21/02/15. La Trans Adriatic Pipeline (TAP) con il suo terminale in Italia, fornirà gas il Sud-Est Europa, a parlare a Trend del gasdotto Walter Peeraer, CEO della Belgio Fluxys. L’azienda è uno dei sei soci con una quota del 19 per cento in progetto TAP.

«Con TAP, il gas arriverà in Italia, la rete da li gestirà i flussi e li porterà in Svizzera e in Germania» ha detto Peeraer. Egli ha aggiunto che, dal nord Italia il gas può essere portato anche in Austria. «In altre parole, in futuro vedremo un corridoio da Sud a Nord, ma anche da Ovest a Est che fornirà gas inverso in Europa sud-orientale», ha detto Peeraer. Il progetto TAP è stato selezionato dal consorzio di azero Shah Deniz sviluppo del campo come la via di trasporto per i mercati europei. Circa 870 km di gasdotto si collegheranno con la Trans Anatolian Pipeline (TANAP) vicino al confine turco-greco a Kipoi, attraverso la Grecia e l’Albania e il Mar Adriatico, prima di venire a terra nel Sud Italia. Peeraer ha detto che progetti come TAP non solo forniscono energia, ma anche portano un miglioramento sociale. «TAP costruisce nuove strade e ponti, per esempio, e fa grandi sforzi offrendo opportunità alle imprese locali e forza lavoro», ha detto Peeraer. In precedenza il portavoce di TAP ha detto a Trend che, attraverso gli accordi con altri operatori dei sistemi di tubazioni e dei governi nazionali, e il suo impegno a canalizzare una parte della capacità di TAP nella regione dell’Europa sud-orientale, TAP ha il potenziale di creare nuovi mercati del gas e migliorare la sicurezza energetica nel Sud Est Europeo. Secondo il portavoce della TAP, interconnessioni con altri sistemi di condutture lungo il suo percorso daranno a TAP il potenziale per fornire gas a una serie di mercati chiave in Europa sud-orientale, tra cui Croazia, Bosnia-Erzegovina, Montenegro, Macedonia, Bulgaria e Serbia. In particolare, un collegamento con la prevista Ionio Adriatic Pipeline (IAP) consentirà rifornimenti trasportati attraverso TAP a fluire direttamente a molti di questi paesi. TAP può raggiungere ulteriormente Austria e Ungheria attraverso il gasdotto Trans Austria Gas (TAG), la Germania e la Francia attraverso il gasdotto Transitgas attraverso la Svizzera.
TAP può fornire anche la Bulgaria collegando alle infrastrutture esistenti o previste, come interconnessione Grecia-Bulgaria, o con inversione di flusso, ad esempio, sul Interconnector Kula-Sidirokastro. La Partecipazione di TAP è composto da BP (20 per cento), SOCAR (20 per cento), Statoil (20 per cento), Fluxys (19 per cento), Enagas (16 per cento) e Axpo (cinque per cento). L’inizio lavori per TAP è prevista per il 2016. La capacità iniziale di TAP sarà di 10 miliardi di metri cubi all’anno, ma può essere facilmente estesa a 20 miliardi di metri cubi l’anno, come i nuovi volumi di gas entrare in funzione. Le prime vendite di gas da produrre entro la seconda fase di Shah Deniz sono lo sviluppo dei siti per la Georgia e Turchia che verranno completati nel 2018, le prime consegne in Europa avverranno nel 2019.