500 terroristi al patibolo

55

PAKISTAN – Peshawar. 23/12/14. Il Pakistan ha ucciso 500 “terroristi” dopo aver sollevato il divieto della pena di morte a seguito del massacro della scuola di Peshawar. La scorsa settimana, 133 bambini sono stati uccisi da uomini armati che indossavano giubbotti suicidi presso la Scuola Pubblica dell’Esercito a Peshawar, scatenando indignazione e richieste internazionali in Pakistan per una risposta più dura per i talebani.

Il giorno dopo l’attacco, il primo ministro Nawaz Sharif ha revocato la moratoria sulle esecuzioni in casi di terrorismo. Un alto funzionario del governo ha detto oggi l’agenzia di stampa AFP in condizione di anonimato che il Pakistan ha «deciso di giustiziare di 500 detenuti che hanno perso tutti i ricorsi». Ha detto che le esecuzioni avrebbero avuto luogo nelle prossime settimane. Venerdì scorso, il Pakistan impiccato due “terroristi” condannati e altri quattro di ieri. È solo la seconda volta che la pena di morte viene utilizzata dal 2008, quando è stata imposta una moratoria. I funzionari hanno detto che si tratta di  “killer brutali” e ha ammesso l’uccisione di 148 persone durante l’attacco della scuola un atto che «finalmente li ha portati al patibolo».