Prime condanne per terrorismo in Tajikistan

59

TAJIKISTAN – Dushanbe. 03/05/15. Secondo la testata Asia-Plus il 30 aprile nella città i Khujand dieci residenti della provincia settentrionale di Sughd sono stati condannati a 8 anni e mezzo di carcere per la loro appartenenza a un gruppo islamico vietato in Tajikistan, Jamaat Ansarullah,perché classificato come estremista.

Fayzinisso Vohidova, avvocato difensore di due degli imputati, dice il processo si è svolto a Khujande la detenzione preventiva si è svolta al centro # 2. Secondo l’avvocato, gli imputati sono residenti della città settentrionale di Isfara e hanno un’età compresa tra 30 a 38. Hanno riferito di essersi uniti a Jamaat Ansarullah mentre lavoravano nella Federazione Russa. «Sono stati arrestati dalla polizia Sughd all’inizio di quest’anno», ha detto l’a donna, sottolineando che il tribunale della città Khujand li ha condannati il 29 aprile. La condanna èa venuta con i capi di imputazione di: organizzare un gruppo criminale, far parte di gruppo estremista, partecipazione a associazioni politiche, pubbliche e religiosi vietati. Le autorità Tagike da tempo contrastano il gruppo di Jamaat Ansarullah sostenendo che è un ramo del Movimento islamico dell’Uzbekistan (IMU) e finanziato da Al Qaeda, una rete terroristica internazionale. La città corte Khujand il 17 febbraio ha condannato 13 uomini locali per essere membri di Jamaat Ansarullah e li ha condannati a pene detentive che vanno 9-12 anni. Jamaat Ansarullah, conosciuta anche come la Società dei soldati di Allah, in primo luogo è venuto alla luce nel settembre 2010, quando ha rivendicato la responsabilità per un attacco suicida il 3 settembre a Khujand. Un’autopiena di esplosivi ha speronato lo stabile del reparto di controllo “criminalità organizzata” della regionale Sughd, uccidendo due ufficiali e due civili e ferendo 28 persone. L’attentatore suicida era residente nella stessa città si chiamava Akmal Karimov, e si era addestrato nei campi di Al Qaeda in Afghanistan e Pakistan. Nel settembre 2011, Jamaat Ansarullah ha rilasciato diversi video dove invitava i cittadini del Tagikistan ad abbracciare il jihad contro gli “infedeli” e esortandoli a intraprendere azioni per sostenere l’attuazione della legge islamica della Sharia. «Chi prega namaz, che segue le regole di digiuno, ma sostiene la democrazia sono i non credenti», riferivano nel video. «Allah sta uccidendo i non credenti dalle nostre mani e, quindi, ci benedice».  Alcuni politici ed esperti, però, il dubbio se questi video possono davvero essere fatta risalire al Jamaat Ansarullah. A maggio 2012, la Corte Suprema del Tagikistan ha ufficialmente vietato Jamaat Ansarullah definendola un’organizzazione estremista. Il vice capo del Comitato di Stato per la sicurezza nazionale (SCNS), Mansour Umarov, ha detto al Parlamento il 4 febbraio che la direzione del Pakistan per l’Inter Services Intelligence (ISI) aveva trasferito uno dei leader di Jamaat Ansarullah, tagiko nazionale Qamariddin Ahrorov, alle autorità tagike .