Jihadisti di ritorno in Tajikistan

12

TAJIKISTAN – Dushanbe. 31/07/15. Molti tagiki che sono stati reclutati per combattere a fianco dello Stato Islamico (IS) stanno tornando a casa. Darne notizia Asia Plus che cita il procuratore generale tagiko, Yusuf Rahmon. «Il 30 luglio, due dei nostri cittadini sono ritornati dallo Stato Islamico» ha detto il capo tagiko procuratore.

«Le autorità preposte all’applicazione della legge del Tagikistan hanno istituito un procedimento penale nei confronti di cittadini tagiki schierati a fianco di militanti in Siria e in Iraq», ha osservato Yusuf Rahmon. Secondo lui, «le autorità tagike hanno bloccato più di 2.000 siti web estremisti, e stiamo lavorando in questa direzione».
Secondo i dati della Procura generale, nel solo mese di luglio, quasi 50 cittadini tagiki sono stati uccisi combattendo al fianco di IS. «Ci sono tra i 30 e 40 donne tagike che hanno seguito i loro mariti in Siria e Iraq. Nessun procedimento penale sarà avviato contro di loro e i loro figli se non hanno combattuto lì», ha osservato Rahmon. Il procuratore capo tragico ha detto che il 30 luglio ha ricevuto una donna tagika, che è rimasta in Siria insieme al marito per un anno. «Fuggì Siria attraverso la Turchia dopo che il marito è morto per le ferite riportate in battaglia», ha detto il procuratore. «Secondo lei, il marito stava combattendo a fianco dei militanti IS e stava ricevendo solo 100 dollari al mese per questo. Lei dice che nessuno ha fornito assistenza a lui dopo essere stato ferito. Come risultato, è morto e lei fuggita in Siria attraverso la Turchia e i diplomatici tagiki hanno predisposto il suo rientro a casa». Secondo i dati del Ministero dell’Interno, 519 tagiki stanno combattendo a fianco del IS gruppo militante; 150 cittadini tagiki sono stati uccisi in Siria e in Iraq e 35 sono tornati a casa.