Sistema bancario tagiko lontano dall’ideale

76

TAJIKISTAN – Dushanbe. 15/11/13. Il sistema bancario del Tagikistan, che è ancora in fase di formazione, è ben lungi dall’essere ideale, a dirlo  il numero uno della Banca nazionale del Tagikistan (NBT) Abdujabbor Shirinovlo.

Lo ha detto durante la visita dei membri del Fondo Monetario Internazionale (FMI) in occasione della presentazione dell’Outlook Regional Economic Outlook (REO) sul Caucaso e dell’Asia centrale.

«Tuttavia è stato fatto un certo progresso: il micro prestito è aumentato del 48,7 per cento rispetto allo scorso anno», ha detto il governatore della banca centrale del tagikistan asserendo che il accredito è aumentato del 37 per cento in Tagikistan nel corso dei primi nove mesi di quest’anno.

Sulla situazione inflazione nel paese, Shirinov ha osservato che il tasso di inflazione è bassa in Tagikistan: «L’inflazione per i primi dieci mesi di quest’anno si è fermato al 3,1 per cento», a fine anno dovrebbe attestarsi al 4,0-4,5.

Secondo il rapporto dell’FMI nel Caucaso e Asia centrale l’inflazione è diminuita in tutto il Caucaso e l’Asia centrale CCA da livelli elevati del 2011, beneficiando di una riduzione dei prezzi alimentari internazionali e di una modifica alla politica monetaria da parte di alcuni Paesi. L’inflazione media dovrebbe essere in ripresa moderata nel 2013 e nel 2014, in linea con la forte attività economica, e, in particolare per gli importatori di petrolio e gas.

Da parte sua, il rappresentante dell’FMI residente in Tagikistan, Aidyn Bibolov ha osservato che il tasso di inadempienza è rimasta piuttosto elevata nella regione dell’Asia centrale, in particolare in Tagikistan e Kazakhstan.

«Inoltre, il tasso di dollarizzazione è alto in Tagikistan; circa il 70 per cento dei depositi sono tenuti in valuta estera. Dollarizzazione che non solo indebolisce il meccanismo di trasmissione della politica monetaria, ma rende anche i paesi della regione vulnerabile alle fluttuazioni dei tassi di cambio», ha osservato Bibolov. Secondo lui, il settore finanziario del Tagikistan rimane ancora poco sviluppato e depositi sono a un basso livello – solo il 14 per cento del PIL.

Il rappresentante residente del FMI ha sottolineato la necessità di migliorare la corporate governance delle banche e del sistema di gestione dei rischi .