Jamaatal-Tabligh, arrestato Amrakhon Ergashev

34

TAJIKISTAN – Dushanbe. 23/11/14. La testata Asia plus il 21 di novembre ha pubblicato una notizia secondo cui fonti di informazione del Kirghizistan, Amrakhon Ergashev è stato arrestato dalle forze di sicurezza del Kirghizistan nella capitale del Kirghizistan Bishkek il 15 novembre con l’accusa di essere un membro dell’organizzazione estremista religioso vietato.

L’indagine preliminare ha stabilito che Ergashev ha illegalmente attraversato il Kirghizistan passando per Baktennel nell’agosto 2009 utilizzando il passaporto di un suo parente stretto. Secondo il ministero degli interni kirghiso Amrakhon Ergashev è stato un membro attivo del gruppo estremista religioso e fuorilegge Jamaatal-Tabligh. Secondo alcune fonti, questo movimento ha fattobreccia in Asia centrale dopo il crollo dell’Unione Sovietica nel 1991. A partire dal 2007, è stato stimato che 10.000 persone hanno aderito a Jamaatal-Tabligh e potrebbero essere in Kirghizistan. Il movimento inizialmente è stato in gran parte guidato dai membri pakistani. In Tagikistan, 124 seguaci di Jamaatal-Tabligh sono stati arrestati in una moschea a Dushanbe nell’aprile 2009. La Corte Suprema del Tagikistanha vietato Jamaatal-Tabligh nel marzo 2006. Il ministero degli interni del Kirghizistanha riferito che Jamaatal-Tabligh è ancheun attivo sostenitoredel gruppoorganizzazionedell’opposizionetagika24, cheha organizzato proteste di piazza in Tagikistanil 10 ottobre 2014. Il 18 novembre 2014, un tribunale di Bishkekha preso una decisione sulla espulsione Amrakhon Ergashev da lKirghizistan. Il gruppo di opposizione chiamato Gruppo 24era formato da un tagiko imprenditore latitante, Umarali Quvvatova, rifugiato a Mosca 2012. Quvvatov è stato arrestato a Dubai il 23 dicembre 2012 su richiesta delle autorità del Tagikistan. L’ex imprenditore è accusato di ottenere illegalmente circa 1,2milioni di dollari attraverso attività fraudolente. Quvvatov ha denunciato che vi sarebbe in atto un tentativo di frode contro di lui eha accusatoil presidentetagiko, Emomali Rahmon di portare avanti un “regime totalitario”. In una lettera aperta fatta circolare fuori dal centro di detenzione, Umarali Quvvato ha detto che le accuse rivolte contro di lui erano “una diretta conseguenza” della sua battaglia controla”oppressione del popolo tagiko” dal governo di Rahmon. Quvvatov è stato rilasciato dal centro di detenzionea Dubai il 26 settembre 2013 esecondo alcune fonti è attualmente in Turchia. la Corte Suprema del Tagikistanha vietato Gruppo 24 dal mese di ottobre. La decisione seguita crescente pressione sul governo del gruppo di opposizione dopo cheha utilizzato Internet per chiedere proteste di piazza nella capitale, a Dushanbe, il 10 ottobre ungiudice della Corte Supremaha stabilito cheSalomatHakimova capo del Gruppo 24è”estremista”, e quindi è vietatoin Tagikistan portare avanti la sua attività. I materialidel sito web estampatisono stativietati.

CONDIVIDI
Articolo precedenteIl pedone afghano
Articolo successivoLa coca di Yurimaguas