Milizie armate ammassate tra Tajikistan e Afghanistan

63

TAJIKISTAN – Dushanbe. 05/02/15. La testata Asia-Plus ha lanciato l’allarme di un ammassamento di militanti armati ai confini  tagiko-afghani.

A dare l’allarme le guardie di frontiera tanica. Una fonte ufficiale della Guardia di Confine, Direzione del Comitato di Stato per la sicurezza nazionale del Tagikistan, sostiene che recentemente il premier tajiko ha firmato un decreto che rafforza le truppe tajike al confine con l’Afganistan.  «Le autorità afghane stanno effettuando operazioni speciali annientando militanti che si pensa siano tra i 500 e i1000 nell’area di Imam Sahib e Dashti Archi», ha detto la fonte. Il ministro dell’Interno Ramazon Rahimzoda il 16 gennaio ha confermato le informazioni relative concentrazione di militanti armati nelle zone afgane vicino al confine tagiko amamssamento che continua ancora. Secondo lui, i militanti che si sono concentrati in aree afghane confinanti Tagikistan sono membri di vari gruppi terroristici, tra cui Talebani e il Movimento Islamico dell’Uzbekistan (IMU). Va sottolineato che 10 gruppi di talebani di sono uniti a ISIS di recente. e molti documenti dell’IMU hanno ispirato ISIA.  «A questo proposito, il Tagikistan sta adottando misure per rafforzare la sua frontiera comune con l’Afghanistan», ha detto il ministro, sottolineando che le strutture che detengono un potere del paese sono stati messi in regime di servizio intensificato. Secondo Ramazon, le agenzie competenti del Tagikistan sono in costante contatto con le autorità di difesa e di polizia afgane. «Abbiamo raggiunto un accordo sull’apertura di un ufficio di rappresentanza del Ministero degli Interni tagiko in Afghanistan, che coordinerà gli sforzi delle autorità di contrasto dei due paesi nella lotta contro la criminalità organizzata, l’estremismo, il terrorismo e il traffico di droga e armi»  ha chiosato il ministro.