L’industrializzazione dell’Afghanistan passa per il Tajikistan

81

TAJIKISTAN – Dushanbe. 27/03/14. Secondo la testata ASIA- PLUS, citando il primo vice direttore del Centro di Studi Strategici Tagikistan, Sayfullo Safarov, l’industrializzazione dell’Afghanistan potrà partire solo se si creerà la nuova centrale idroelettrica in Tajikistan. 

Gli esperti russi da tempo parlano di industrializzazione dell’Afghanistan ma secondo lo studioso tagiko è impossibile senza il completamento della costruzione della centrale idroelettrica Roghun (HPP). La realizzazione della centrale è una delle costruzioni più contese, tra favorevoli e contrari, nell’area Centro Asiatica. La Banca per lo sviluppo Asiatico pur non opponendosi non ha finanziato il progetto, mentre l’FMI ha detto sì. L’Uzbekistan non vuole la costruzione della centrale che, a detta degli uzbeki, rischia di lasciare a secco la regione.

Il vice direttore del Centro di Studi Strategici lo ha detto durante il convegno: ” Problemi di sicurezza delle nazioni del Centro Asia nel moderno ordine Mondiale: tendenze e approcci per fornire stabilità”. Che si è svolto oggi nella capitale Dushanbe. Più precisamente la sua dichiarazione è stata: «Il Presidente del Movimento della Russia per lo sviluppo, Yuri Krupnov, suggerisce una Russia propositiva per l’industrializzazione dell’Afghanistan, ma è impossibile senza il completamento della Roghun HPP e la costruzione di Dashti Jum HPP in Tagikistan». Secondo un altro esperto senior tagiko la ricostruzione dell’economia dell’Afghanistan dipende in larga misura lo sviluppo del settore energetico del Tagikistan. 

Va sottolineato che il “Movimento della Russia per lo sviluppo” ha suggerito un nuovo Nuovo Medio Oriente, un nuovo progetto geopolitico secondo cui la Russia dovrebbe stringere relazioni economico-politiche in particolari modo con: Cina, Afghanistan, Mongolia, Azerbaijan, Turchia, Pakistan e paesi dell’Asia centrale. L’industrializzazione di Afghanistan e Stati dell’Asia centrale saranno un punto cardine nel nuovo progetto geopolito della Russia.