TAIWAN. Pechino minaccia Taipei se accoglierà chi fugge da Hong Kong

97

Il governo cinese ha messo in guardia Taiwan dall’offrire protezione ai manifestanti di Hong Kong, mentre aumentano le critiche internazionali alla decisione di Pechino di imporre la legge sulla sicurezza che vieta il separatismo e le interferenze straniere a Hong Kong.

L’Ufficio per gli Affari di Taiwan, che ha recepito le decisioni politiche della Cina, ha denunciato i piani di Taipei di aiutare coloro che pensano di fuggire da Hong Kong per la stretta di Pechino sulla città: «Fornire rifugio e portare sull’isola i rivoltosi e gli elementi che portano il caos a Hong Kong non farà altro che continuare a portare danno alla popolazione di Taiwan», ha detto, ripreso da al Jazeera.

Taiwan, che ha già accolto decine di dissidenti di Hong Kong, ha detto di aver creato un ufficio dedicato a «gestire praticamente l’aiuto umanitario e l’assistenza» per la popolazione di Hong Kong. Il nuovo ufficio entrerà in funzione il 1° luglio, il giorno in cui Hong Kong è tornata sotto il dominio cinese nel 1997.

I manifestanti a favore della democrazia a Hong Kong affermano che tali libertà sono sempre più minacciate dalla legge sulla sicurezza nazionale che vieta ciò che essa ha definito secessione, sovversione, terrorismo e interferenze straniere. I dettagli della legge non sono noti, ma i funzionari di Pechino e Hong Kong affermano che la legge prenderà di mira solo un piccolo numero di “facinorosi”, lasciando intatti diritti e libertà.

La legge ha fatto seguito a mesi di proteste a Hong Kong l’anno scorso, con milioni di persone scese in strada contro un’altra legge che avrebbe permesso ai residenti della città di essere estradati nella Cina continentale per essere processati.

Il presidente di Taiwan Tsai Ing-wen è stato uno dei primi leader mondiali ad esprimere il proprio sostegno ai manifestanti a favore della democrazia a Hong Kong nel giugno dello scorso anno.

Nella sua dichiarazione, il governo cinese ha detto che le trame delle forze che sostengono l’indipendenza per Hong Kong e Taiwan, e quelle che cercano di danneggiare “un paese, due sistemi” non avranno mai successo.

Luigi Medici