TAIWAN. Droni elicotteri USA per Taipei

56

L’esercito di Taiwan spera di acquistare dagli Stati Uniti i droni elicotteri Mq-8 Fire Scout e le mine Quickstrike Mk-62. L’agenzia di stampa di Taiwan, Cna, ha detto che le forze armate stanno ancora valutando le armi e gli Stati Uniti non hanno ancora accettato di venderle.

Il dipartimento della Pianificazione Strategica del ministero della Difesa ha detto che le mine e gli elicotteri senza pilota erano ancora sulla lista dei desideri di Taiwan, in quanto potrebbero inserirsi perfettamente nelle tattiche di guerra asimmetrica utilizzabili per prepararsi ad una possibile invasione della Cina.

L’Mq-8B Fire Scout velivolo senza equipaggio, realizzato dalla statunitense Northrop Grumman, è stato progettato per effettuare ricognizione, raccolta dati su diverse situazioni, supporto aereo al fuoco e supporto di precisione per le forze terrestri, aeree e marittime. Taiwan è presumibilmente il primo paese a cercare di avere questi “elicotteri per droni”.

Le mine Mk-62 Quickstrike sono mine marine a caduta aerea programmabili e progettate per essere utilizzate contro sottomarini e obiettivi di superficie, come quelle dell’Esercito di Liberazione del Popolo. Si dice che Taiwan possa inviare aerei per la posa di queste mine navali nelle sue acque litoranee vicino a Taipei, l’aeroporto internazionale di Taoyuan, così come una serie di porti e basi navali chiave al largo della costa occidentale dell’isola, nel caso in cui scoppino ostilità tra Taiwan e la Cina e sia imminente un’invasione anfibia da parte del Pla.

Le delegazioni taiwanesi e statunitensi si sono da poco incontrate all’annuale Taiwan Defense Industry Conference tenutasi nel Maryland, dove gli appaltatori della difesa di entrambe le parti hanno sottoposto le loro raccomandazioni all’esame del Pentagono in occasione di una revisione per futuri accordi sulle armi. Secondo il Taipei Times, è stato anche proposto un sistema di rating e di valutazione delle imprese della difesa taiwanesi, in base al quale le industrie statunitensi possono selezionare partner per programmi di cooperazione o per la creazione di joint venture.

Antonio Albanese