Taiwan: blindati made in China

5

TAIWAN – Taipei 13/06/2015. Scandalo nella fornitura di armamenti alle forze armate di Taiwan.

Sarebbero state usate delle parti di fabbricazione cinese di scarsa qualità. I magistrati sostengono che quattro imprenditori avevano assunto operai e subappaltatori cinesi per produrre componenti a basso costo e scadenti per modenri mezzo blindati in una chiara violazione dei termini della gara vinta dagli Usa, valore 154 miliardi di dollari, nel 2012. A seguito di controlli in 37 località in tutta l’isola fatti l’11 giugno, quasi 60 ufficiali e dirigenti di ditte appaltatrici sono stati arrestati, insieme con il sequestro di documenti e prove. Le forze armate si son dette pronte a collaborare. Il sospetto chiave, Chiang Yi Fu, presidente del contractor principale, Chung Hsin Electric and Machinery Manufacturing Corp, è stato rilasciato il 12 mattina con una cauzione di 160mila dollari. L’indagine andrà avanti viste le numerose denunce di questi e un alto tasso di questi in mezzi ultramoderni, cui si aggiunge anche per la procura di Taipei una grave minaccia alla sicurezza nazionale.