SVIZZERA. L’Arte si compra on line

21

In un dettagliato articolo di Art News, si parla della nuova fiera dell’arte a Basilea che quest’anno a causa del COVID 19 andrà in scena on line.

Dopo aver cancellato tutte e tre le sue edizioni in persona, Art Basel si è arricchita di sale di visualizzazione online. Il 23 settembre è stata lanciata la prima di una serie di due sale online dal titolo “OVR:2020”, con la partecipazione di 100 gallerie provenienti da 28 Paesi. Questa iterazione si concentra sulle opere realizzate nel 2020. La fiera ospita rivenditori emergenti e affermati per la serie.

La decisone non deve essere stata semplice, da sempre l’arte, è empatia, visone a volte pura materialità, ma nell’era del Covid bisogna fare di necessità virtù ed ecco che gli organizzatori di Art Basel, dopo aver annullato la difesa di giugno, riprogrammata per settembre e infine annullata a causa delle restrizioni del coronavirus. Ha deciso il tutto per tutto annunciando la sua fera dal 23 al 26 settembre.

Questa edizione online offre ai venditori una piattaforma per mostrare le mostre curate più piccole. Anche se la sua durata è più breve di una tipica fiera di una settimana, e mentre meno della metà del numero abituale di gallerie partecipa all’evento, l’esperienza è nel complesso più intima, grazie a una funzione di live chat che permette al personale di vendita di rispondere rapidamente alle richieste di informazioni.

«Sulla base dei feedback che abbiamo ricevuto dal nostro pubblico negli ultimi mesi e settimane, stiamo introducendo un nuovo formato più mirato per OVR:2020 dedicato alle opere create quest’anno e OVR:20c dedicato alle opere del XX secolo, dove i collezionisti sono in grado di esplorare una selezione di opere più curata‚», ha detto Marc Spiegler, direttore globale di Art Basel.

Da quando l’edizione online di Art Basel Hong Kong è stata lanciata all’inizio della pandemia, il formato di vendita si è sviluppato. «Dopo il lancio della nostra prima Online Viewing Room a marzo, abbiamo integrato la programmazione digitale parallela e altre nuove funzionalità alla piattaforma per la nostra successiva edizione di giugno, per creare ulteriori opportunità per le nostre gallerie e i nostri collezionisti di interagire in modo più significativo», ha detto Spiegler.

Maddalena Ingrao