Il difficile stato della Difesa svedese

20

SVEZIA – Stoccolma 07/08/2015. Attraverso una parodia della canzone degli Abba, Mamma mia, passa la percezione russa della Difesa svedese, in vera crisi esistenziale, che a giugno scorso ha annunciato di star valutando l’adesione alla Nato per la percepita minaccia di Mosca, scatenando proprio le ire della Russia.

Nel 2013, una televisione russa, ironizzando sulla veritiera dichiarazione fatta dal capo di Stato Maggiore svedese sulla incapacità delle forze armate di Stoccolma di difendere il paese, mandava in onda una parodia, drammaticamente esilarante, di Mamma Mia (nela foto in basso).
Il Gatestone institute ha pubblicato di recente una profonda analisi della situazione militare svedese, impietosa ma realistica: «Un paio di decenni fa, la Svezia aveva una sua potenza militare. La sua forza aerea era una delle migliori al mondo, la sua marina aveva decine di navi e sottomarini, e l’artiglieria proteggeva le coste da una moltitudine di rifugi segreti in montagna (…) Ora, dopo un certo numero di fatali decisioni, in base alla convinzione che le guerre in Europa erano una cosa del passato, la maggior parte del suo esercito è un ricordo e la Svezia non ha praticamente alcuna possibilità di proteggersi (…) Secondo il Comandante Supremo militare svedese Sverker Göransson, “possiamo, nel migliore dei casi e in cinque anni, difenderci in un posto per una settimana” (…) Le moderne forze militari svedesi, costruite per più di cento anni, sono state demolite in dieci – undici anni. L’attenzione dei militari svedesi ora è rivolta alle operazioni internazionali. Truppe svedesi sono state inviate in Afghanistan in una missione che si è trascinata per 13 anni. Tuttavia, i militari di leva non potevano essere mandati all’estero; la missione richiedeva solo soldati professionisti. Pertanto, nel 2010, è stato abrogato il servizio nazionale (la leva, ndr) e sono state create forze armate professionali (…) Nel 2011, aerei militari russi, nuovamente hanno iniziato a volare vicino allo spazio aereo svedese (…) e ci sono stati nuovi rapporti su sottomarini stranieri avvistati lungo le coste svedesi. Nel 2013, il generale Sverker Göransson fece una dichiarazione che ha spaventato a morte gli svedesi e ha reso furiosi i politici. Alla domanda sulla preparazione dei militari svedesi, Göransson rispose: «Possiamo difenderci da un attacco contro un bersaglio localizzato. Stiamo parlando di una settimana da soli» (…) Stranamente, anche se rimane ben poco delle forze armate svedesi, quello che c’è costa ancora enormi quantità di denaro! Il bilancio della difesa è stato solo tagliato di circa il 20%. Storditi e confusi di fronte alle
nuove minacce vicine alla Svezia, la maggior parte dei partiti politici svedesi ora vogliono più soldi per la Difesa. Ma non chiedono abbastanza. Nel mese di aprile, il parlamento ha deciso di aumentare il bilancio della difesa da 10,2 miliardi di corone (1,2 miliardi di dollari) nel quadriennio 2016-2020, e ha nominato una nuova inchiesta politica sulla sicurezza e sui pro e i contro di collaborazioni internazionali con l’Onu, Osce, Ue e la Nato. È una somma di gran lunga inferiore a quello che il Comandante supremo ha chiesto per essere solo in grado di attuare ciò che il Parlamento aveva ordinato cinque anni prima. Il Parlamento ha chiesto molte cose, ma non ha mai dato ai militari abbastanza soldi per farle (…) Solo i Democratici di Svezia hanno chiesto un ritorno al livello di difesa spesa del 1999, il che richiederebbe ulteriori 40 miliardi di corone (circa 4,6 miliardi di dollari) tra il 2016 e il 2020».