SVEZIA. Le armi più potenti della Russia

630

Di fronte alla recente escalation politico-militare ai confini russi, il giornale svedese Svenska Dagbladet ha pubblicato un elenco delle dieci armi russe in grado di modificare l’equilibrio di forza esistenti nel mondo.

Eccole in sintesi:
RS-28 Sarmat Icbm
Questo missile balistico intercontinentale è in grado di spazzare via parti della Terra delle dimensioni del Texas o della Francia. Nome in codice Nato Satan-2, le testate Sarmat hanno un peso complessivo di 10 tonnellate, 2.000 volte la potenza delle bombe atomiche sganciate su Hiroshima e Nagasaki, ha scritto Svenska Dagbladet, il missile dovrebbe entrare in servizio nel 2018.
T-14 Armata
L’Armata è una piattaforma di combattimento in grado di essere usata come carro armato, lanciamissili, pezzo di artiglieria e veicolo d’ingegneria militare.
Lada, sottomarino
I sottomarini diesel del progetto Lada sono piccoli e silenziosi. Portano siluri per distruggere sottomarini nemici e navi di superficie, monta un sistema missilistico 9K720 Iskander, in grado di trasportare testate nucleari. Un missile Iskander pesa circa 4 tonnellate e ha una velocità di oltre 2.000 metri al secondo che lo rende un bersaglio difficile da abbattere.
Sistema missilistico tattico Otr-1 “Tochka”
Il Otr-1 “Tochka” è un missili balistico tattico sviluppato nel 1976. La sua ultima versione pesa 1,8 tonnellate ed ha una portata effettiva di 185 chilometri può trasportare una testata nucleare convenzionale o tattica.
S-400
S-400 è un sistema missilistico aggiornato di monitoraggio, in grado di gestire contemporaneamente 80 missili e aerei. Il S-400 può utilizzare tre tipi di missili in grado di volare fino a 400 chilometri di distanza a 1.000 metri al secondo e più.
Su-34
Il Su-34, visto operare in Siria, ha un equipaggio di due uomini e ha una portata effettiva di 4.500 chilometri. Può volare a 11000 metri d’altezza fino a 1900 chilometri all’ora. Il Su-34 trasporta missili aria-aria, aria-superficie missili guidati, missili a medio raggio e missili guidati e non guidati.
Navi da sbarco e d’assalto
L’esercito russo ha diversi grandi navi da sbarco assalto: Korolev, Kaliningrad e Alexander Shabalin, ciascuna in grado di trasportare un battaglione di marine completo con i loro veicoli da combattimento.
Ogni nave è armata con una coppia di cannoni da 57 mm e un lanciamissili da 76,2 mm, oltre a batterie antiaeree.
Sottomarini classe Kilo
Ogni classe Kilo, sottomarino diesel, ha un equipaggio di 57 uomini. Ha velocità massima di 10 nodi emerso e 17 nodi sommerso. Raggiunge una profondità massima di 240 metri e può rimanere sott’acqua per un massimo di 45 giorni. È armato con sei tubi lanciasiluri e può trasportare fino a 18 siluri o 24 mine.
Sottomarino nucleare Borei
Progetto 955, noto in Occidente come classe Borei, è un sottomarino nucleare lanciamissili di quarta generazione. Questi sottomarini sono molto più piccoli dei loro predecessori Akula, sono meno rilevabili ai sonar e sono più maneggevole. È lungo 170 metri ed è armato con missili balistici in grado di trasportare testate nucleari tattiche o strategiche. La classe Borei può navigare autonomamente per anni.

Nel 2017 le forze armate russe riceveranno 41 nuovi missili balistici, 170 aerei da guerra, 905 carri armati e veicoli blindati e 17 navi da guerra.

Anna Lotti