SVEZIA. Alle urne, la destra punta sull’antimigrazione

41

Grande attesa nello scacchiere internazionale per le elezioni svedesi. Oggi è l’ultimo giorno di campagna elettorale, domenica si vota e tutti gli occhi sono puntati su Malmö, città svedese a forte presenza straniera, che ha subito molti atti di violenza negli ultimi mesi. In totale si registrano, da inizio anno ad oggi, 24 sparatorie con 11 morti e 12 feriti. Secondo i cittadini, tutta colpa degli immigrati che non sono stati integrati nella società. «Abbiamo il tasso di criminalità più basso dal 1996. Il tasso di criminalità sta scendendo. Ma, naturalmente, abbiamo alcuni seri problemi con la criminalità legata alle bande. E abbiamo delle sparatorie molto, molto inquietanti tra i criminali. Ma anche in questo caso, il crimine che preoccupa la maggior parte dei nostri cittadini è il furto di biciclette», dice Andreas Schönström dei socialdemocratici.

La maggior parte delle sparatorie si sono svolte in aree in cui un livello più alto della popolazione ha un background migratorio. Quindi, forse non dovrebbe sorprendere che l’antimigrazione di destra di Svezia Democratici svedesi sembra avere più interesse. Dopo tutto, il tema dell’antimigrazione è stato allora il cavallo di battaglia elettorale. E rischia di fare breccia nella cittadinanza. 

La Svezia, dunque, rischia di passare da un ampio consenso liberale sull’immigrazione a una polarizzazione estrema sulla questione, mentre un partito di estrema destra è pronto a diventare una forza politica di primo piano alle elezioni di domenica.

La zona di Malmö chiamata Rosengård è spesso descritta come il luogo più pericoloso della città. Spesso viene anche chiamata “zona di divieto di accesso”. Di diversa opinione i social democratici che nel centro commerciale locale, incontrano gli elettori senza evidenti segni di preoccupazione per la sicurezza.

Secondo la polizia a Malmo non esistono zone off limits: «Dal punto di vista della polizia, ciò che la gente chiama zona di non accesso è più una zona di non accesso per la polizia svedese. Dobbiamo essere più presenti in queste aree per ottenere uno sviluppo più sicuro. Ma in realtà, in Svezia non abbiamo zone dove non si possa accedere in senso internazionale», dice Anders Ygeman.

Ma l’area non è comunque priva di problemi. Sigrun Sigurdsson gestisce progetti per i giovani della zona. E chiede un’azione più incisiva per includere gli abitanti di questa zona nella società svedese. «Abbiamo problemi a Malmö. Abbiamo problemi con l’inclusione delle persone nella società. Abbiamo problemi con l’inclusione dei bambini nelle scuole. Siamo davvero pessimi nell’integrare le persone, e quindi non intendo solo i migranti, ma tutte le persone. E dobbiamo migliorare», dice l’assistente sociale di Rosengård Sigrun Sigurdsson.

Antonio Albanese