Condannati i corrotti del Sud Sudan

23

SUD SUDAN – Giuba 15/06/2016. L’Alta corte del Sud Sudan il 13 giugno ha condannato 16 ex funzionari, tra cui alcuni aiutanti presidenziali, all’ergastolo per aver rubato oltre 14 milioni di dollari e 30 milioni di sterline sud sudanesi, pari a 4,93 milioni di dollari.

Il presidente Salva Kiir, giorni fa, aveva sospeso i suoi aiutanti, accusandoli di corruzione, falsificazione della sua firma, e abuso di potere, riporta Anadolu. Tra i 16 detenuti ci sono un ex amministratore capo del presidente, un ufficiale della sicurezza nazionale presso la Presidenza, il controllore dei conti presso la presidenza, quattro keniani, e dipendenti della Banca Centrale. La corte ha stabilito che i reati sono stati commessi durante i due anni di guerra civile (2013-2015) e il denaro rubato era in conti offshore. Undici mesi dopo aver ottenuto l’indipendenza dal Sudan nel 2011, Kiir aveva detto che il Sud Sudan aveva perso oltre 4 miliardi di dollari per i politici corrotti, ma fino ad ora nessun funzionario è mai stato perseguito per corruzione.