In Darfur si cerca il petrolio

15

SUDAN – Khartoum. 21/03/15. Il Sudan che ha perso la maggior parte delle sue riserve di petrolio conosciute con la partizione del Sud Sudan nel 2011, ha deciso di sviluppare la sua produzione di idrocarburi. Khartoum ha previsto di scavare pozzi esplorativi in ​​nuovi settori, tra cui l’esplorazione in Darfur.

Il Sudan è determinato ad aumentare la sua produzione di petrolio, ha detto il 19 marzo nella AFP Makawi Mohamed Awad, ministro del Petrolio. Il paese dell’Africa orientale – che ha perso circa il 75% delle sue riserve di petrolio dalla nascita del Sud Sudan nel 2011 – si propone di aumentare la produzione di 120.000 barili al giorno (bpd) nel 2014, 140.000 bpd nel 2015, Makawi Mohamed Awad ha spiegato. Khartoum, che ha raccolto 2,4 miliardi dollari dalle esportazioni di petrolio nel 2014, stime del Fondo Monetario Internazionale, trae gran parte del suo fatturato dal petrolio del Sud Sudan passando attraverso i gasdotti sul suo territorio.
La maggior parte della produzione si trova lungo il confine con il Sud Sudan e quindi il governo vuole scavare nuovi pozzi, riparare quelli esistenti aumentando l’esplorazione e lo sfruttamento nuovi giacimenti petroliferi, ha detto il suo ministro del petrolio.