SUDAN. Darfur: ritornano gli attacchi

26

I funzionari delle Nazioni Unite, il 27 luglio, hanno riferito di un nuovo massacro di oltre 60 persone nel Darfur del Sudan occidentale, mentre il primo ministro del paese ha promesso nuove truppe per la regione colpita dal conflitto. Gli aggressori hanno preso di mira i membri della comunità locale Masalit, saccheggiando e bruciando case e parte del mercato locale, ha dichiarato una nota. Circa 500 uomini armati hanno attaccato sabato pomeriggio a Masteri Town, a nord di Beida, nel Darfur, a riferirlo il comunicato dell’ufficio delle Nazioni Unite per il coordinamento degli affari umanitari (OCHA).

“Questo è stato uno degli ultimi di una serie di incidenti di sicurezza segnalati nell’ultima settimana che hanno provocato l’incendio di numerosi incidenti e casi, saccheggi di mercati e danni e infrastrutture alle infrastrutture”, ha annunciato la nota dell’ufficio di OCHA a Khartum. In seguito all’attacco di sabato a Masteri, circa 500 persone del luogo hanno organizzato una protesta chiedendo maggiore protezione da parte delle autorità.

Domenica scorsa, il Primo Ministro Abdalla Hamdok ha dichiarato che il governo ha inviato forze di sicurezza nel Darfur colpito dal conflitto per “proteggere i cittadini e la stagione agricola”. Le nuove forze di protezione dovrebbero includere: esercito e polizia, si apprende da fonti locali dopo un incontro tra autorità regionali. Venerdì, uomini armati hanno attaccato un villaggio e ucciso 20 civili tornando nei loro campi per la prima volta dopo anni, a dirlo un testimone oculare e un capo tribale all’AFP.

Il Darfur è stato devastato dal 2003 da un conflitto tra ribelli delle minoranze etniche e forze alimentate dal presidente Omar Al Bashir, ora espulso, inclusa la temuta milizia Janjaweed, reclutata principalmente da tribù di pastori arabi.

La violenza nel Darfur è diminuita dall’espulsione di Bashir da parte dell’esercito tra proteste di massa contro il suo governo anno scorso. Il governo e una coalizione di nove gruppi ribelli, tra cui fazioni della regione, hanno firmato un accordo di pace preliminare a gennaio. Bashir è ricercato dalla Corte penale internazionale per accusa di genocidio e crimini contro l’umanità nel conflitto.

Da allora, gli agricoltori sfollati dai combattimenti hanno iniziato a tornare nelle loro terre con un accordo sponsorizzato dal governo raggiunto due mesi fa, in tempo per la stagione delle piantagioni di luglio-novembre. Ma lo spargimento di sangue è continuato, in particolare per quanto riguarda i diritti sulla terra, secondo esperto Adam Mohammad. “La questione della terra è una delle cause del conflitto”, ha detto. “Durante la guerra, i contadini sono fuggiti dalle loro terre e villaggi nei campi, e i nomadi li hanno sostituiti e si sono stabilizzati lì.

Alla fine di giugno e all’inizio di luglio, manifestanti sono accampati per giorni fuori da un edificio governativo nella città di Nertiti, nel Darfur centrale, per chiedere al governo di rafforzare la sicurezza dopo un incidente causato uccisioni di agricoltori e proprietà.

«L’escalation della violenza in varie parti della regione del Darfur sta portando ad un aumento degli sfollati, compromettendo la stagione agricola, causando la perdita di rapidamente e mezzi di sussistenza e guidando i crescenti bisogni umanitariı», si legge nella dichiarazione OCHA.

Luigi Medici